L'invisibile linea rossa
L'invisibile linea rossa
Osservatorio sull'Architettura
A cura di Pino Brugellis

A partire dal 2004 l’Osservatorio sull’architettura della FONDAZIONE TARGETTI  ha invitato a Firenze progettisti del tutto eterogenei fra loro, da Yona  Friedman a Thom Mayne, da Peter Eisenman a Vito Acconci, Bernard Tschumi, Elia  Zenghelis, Greg Lynn, Diller e Scofidio. Nonostante le evidenti differenze  tutti sono accomunati dall’essere dei “coltivatori di idee” utili per una più  che mai necessaria trasformazione della città in generale e dello spazio  pubblico in particolare. È questo infatti il tema unificante di tutti gli  incontri fiorentini i cui esiti sono gli otto saggi inediti degli autori  suddetti qui riuniti (più un’appendice di Antonio Negri su Rem Koolhaas) e  introdotti da un variegato pool di critici preoccupati di portare il tema  degli spazi comuni al centro dell’inaridita discussione architettonica (e  politica) italiana. Il volume è dunque un ricettacolo di fonti e commenti  dell’architettura contemporanea che, se pur molto diversi per linguaggio,  ispirazione e ambizioni, sembrano tutti essere legati da una linea talmente  sottile da risultare quasi invisibile, un filo rosso che riporta  l’architettura alla sua essenza più profonda, quella che Edoardo Persico  definiva “sostanza di cose sperate”.

 

Ascolta la recensione audio su Mediarch

Recensioni 
redazionale «Il Giornale dell'Architettura» 01-04-2010
redazionale «AND» 01-02-2011
 
In vetrina
redazionale «Il Giornale dell'Architettura» 01-04-2010
Friedman, Mayne, Eisenman, Acconci, Tschumi, Zenghelis, Lynn e Diller & Scofidio, ospitati dal 2004 dalla Fondazione Targetti a Firenze e qui introdotti da altrettanti critici, riflettono da prospettive diverse sulla trasformazione della città e dello spazio pubblico, riportando il tema al centro della discussione architettonica.
letture facoltative
redazionale «AND» 01-02-2011
L'incontro con 8 architetti "coltivatori di idee" (friedman, Mayne, Eisenman, Acconci, Tschumi, Zenghelis, Lynn, Diller e Scofidio - li contiamo uno per uno), più uno mancato (Koolhaas), come incontro, non certo come architetto, ma sul quale c'è la testimonianza di Antonio Negri. Questo è il contenuto del libro, resoconto/testimonianza degli incontri promossi a Firenze, nei primi 5 anni dall'Osservatorio sull'Architettura della Fondazione Targetti. Uno stato dell'arte della ricerca teorica e della sperimentazione formale dell'architettura contemporanea separata dall'utopia dalla sottile linea rossa del titolo.
2010
Quodlibet Studio. Città e paesaggio. Album
230x215
ISBN 9788874623181
pp. 164
€ 25,00 (sconto 15%)
€ 21,25 (prezzo online)