Icone culturali d'Europa
Icone culturali d'Europa
A cura di Francesco Fiorentino

Che cosa hanno a che fare le Sirene con il curry o il Bildungsroman con il tè? Cosa hanno in comune il Grande Fratello, l’Ikea e Madame Bovary, oppure Ivan il Liberatore e una strada londinese?
Si tratta di icone culturali, ossia figure, luoghi, “oggetti” che hanno acquisito una presenza particolare e durevole nell’immaginario collettivo, divenendo parte di un patrimonio simbolico da cui attingono il linguaggio giornalistico e la pubblicità, la comunicazione colta e il parlare comune. Sono frammenti di racconti, rappresentazioni collettive, discorsi o pratiche culturali che, emancipati dal loro contesto di origine, agiscono autonomamente in una pluralità di altri contesti. Le vediamo circolare in orizzonti comunicativi differenti, spostarsi da uno spazio linguistico-culturale all’altro, da un’epoca all’altra, assumendo via via significati nuovi.
Sono europee nel senso che è in qualche luogo dell’Europa che prendono forma e si installano nell’immaginario collettivo in quanto icone. E l’indagine della loro storia può favorire l’anamnesi di un’Europa transnazionale che aspetta di essere riletta alla luce del presente.
I percorsi delle icone ricostruiti in questo volume, infatti, invitano ad abbandonare la logica della delimitazione nazionale a favore di una logica dell’interdipendenza e della molteplicità di prospettive. Frutto di una stratificazione di significati diversi, queste icone sono figure mobili e composite che mostrano i sistemi simbolici della cultura nel segno della pluralità, dell’eterogeneità, dell’interconnessione. Sono forme trasversali dell’immaginario che funzionano da rivelatori della fondamentale interazione tra i diversi ambiti e media della comunicazione culturale – e rimandano perciò a una concezione sconfinata, altamente complessa, una concezione ipertestuale della cultura.

 

esempi di icone

 

Indice: Francesco Fiorentino Icone culturali: per una definizione del concetto -  FIGURE DI GENERE: Maria Cristina Assumma Carmen, icona della seduzione - Bruna Donatelli «Madame Bovary sono io» - Federica Sforazzini Don Giovanni - PAROLE-ICONA: Giovanni Sampaolo Bildungsroman: genealogia linguistica di un mito tedesco - Laura Santone Charme, chic, boutique. Su tre marche linguistiche francesi dell’icona del lusso  - FIGURE DELL'IMMAGINARIO POLITICO (E MEDIATICO): Krassimir Stantchev Ivan il liberatore nella tradizione balcanica. Il caso bulgaro - Angelo Arciero Il Grande Fratello. Archetipi e filiazioni - FIGURE DELL'IMMAGINARIO FOLKLORICO: Carla Solivetti Sirena Mermaid Ondina Rusalka. Dal mito all’icona contemporanea - Ute Weidenhiller La strega. Figura tragica, donna malefica, “femme fatale”… - ICONE TRANS(NAZIONALI): Luciana Piré Il tè, «a gentler drink». Percorsi di un rituale nell’Inghilterra moderna - Rosa Manauzzi Brick Lane, il curry, nuove icone britanniche - LUOGHI E NONLUOGHI: Agnese Nobiloni Toschi «Quando si dice icona». Ikea: la ditta e il catalogo - Marino Freschi Praga kakfiana - Valeria Pompejano Il Lager icona oscura d’Europa e l’uomo-Lazzaro di Jean Cayrol - Letizia Norci Cagiano Roma eterna: icona culturale in Francia tra Seicento e Settecento

Francesco Fiorentino insegna Letteratura tedesca all’Università Roma Tre.

2010
Quodlibet Studio. Scienze della cultura
140x215
ISBN 9788874623174
pp. 400
€ 28,00 (sconto 15%)
€ 23,80 (prezzo online)