Catalogo / Corpo a corpo

Corpo a corpo
Estetica e politica nell’arte italiana degli anni Sessanta
ISBN 9788822901422
2018, pp. 296
140x215 mm, brossura, con illustrazioni in bn
€ 24,00
€ 20,40 (prezzo online -15%)
Altre edizioni
Acquista
Preferiti
     
StoreDB
Il libro

Corpo a corpo. Estetica e politica nell’arte italiana degli anni Sessanta affronta le vicende dell’arte in Italia dal 1959 al 1969 – dallo “scandalo” dei Sacchi di Alberto Burri allo scioglimento del gruppo dell’Arte povera – ricostruendo le diverse ipotesi, spesso in competizione, attraverso le quali è stata interpretata la modernità in un decennio cruciale nella vicenda del Paese e il fitto scambio che vi ebbe luogo tra creazione artistica, riflessione teorica, militanza critica e sfera politica in senso ampio. La produzione artistica e critica del decennio viene infatti riletta alla luce della storia culturale del periodo, analizzando alcuni dei nodi – opere, inchieste, dibattiti, mostre – in cui appaiono temi estetici e politici quali la società di massa, il sistema, il mercato, la militanza, restituendo quella pluralità di sguardi che costituisce ancor oggi la ricchezza maggiore, e forse mai più raggiunta, degli anni Sessanta, il decennio decisivo per il superamento della concezione tradizionale dell’opera in cui per molti l’immaginazione è stata effettivamente al potere.

Indice
  • Introduzione al corpo a corpo
  • 1.Italia: arcaismo e modernità
    • 1.1 Quale modernità per l’Italia?
    • 1.2 Manzoni, Burri, Fontana: c’è solo da essere c’è solo da vivere
    • 1.3 Francesco Lo Savio, Mario Schifano: l’essere dentro gli eventi e il circondarli
    • 1.4 Il dovere della critica: aprire il più ampio degli orizzonti
    • 1.5 Cinque giovani pragmatici
  • 2. Nuovi realismi: arte programmata, reportage e oggetto
    • 2.1 Apocalittici e integrati
    • 2.2 1963: arte e critica oltre l’Informale
    • 2.3 Roma, Piazza del Popolo (e adiacenze)
    • 2.4 Programmati e spontanei: dall’oggetto al mondo
  • 3. Ricchi e Poveri
    • 3.1 «L’America: l’unica terra adatta per le sorprese che non mancheranno»
    • 3.2 Tempo libero nell’expanding universe: la XIII Triennale di Milano
    • 3.3 Roma: cambiare la vita cambiando di civiltà
    • 3.4 «Non c’è separazione tra i molteplici aspetti del mondo, ognuno entra nello spettacolo, gli spetta per lo meno una battuta»
  • 4. «Perché anche se il corteo è già morto l’incedere è ancora magico»
    • 4.1 Cose che succedono: l’arte tra contemplazione e azione
    • 4.2 «Così non sentiamo senza filosofare sui nostri sentimenti, non vediamo senza spiegare la nostra visione». Poetiche e politiche dell’immaginazione
    • 4.3 Autoritratti: «ora voglio fabbricare la vita da dentro»
    • 4.4 Il privato è politico
  • Bibliografia
  • Indice dei nomi
L'autore
Carlotta Sylos Calò

Carlotta Sylos Calò insegna Teorie dell’arte contemporanea presso l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata dove è assegnista di ricerca.

Volumi della stessa collana