Catalogo / Architettura tra due mari

Architettura tra due mari
Radici e trasformazioni architettoniche e urbane in Russia, Caucaso e Asia Centrale
A cura di Roberto Secchi e Leone Spita
ISBN 9788822901460
2018, pp. 480
150x220 mm, brossura, con illustrazioni a colori e bn
€ 28,00
€ 23,80 (prezzo online -15%)
Altre edizioni
Acquista
Preferiti
     
StoreDB
Il libro

Il volume prende le mosse dal famoso libro reportage Imperium di Ryszard Kapuśćiński, in cui l’autore descrive lo stato delle ex Repubbliche sovietiche dopo la caduta del regime e la loro dichiarazione di indipendenza. Il racconto di Kapuśćiński è denso di significative suggestioni sull’identità dei luoghi visitati e sulle mutazioni di città e paesaggi in trasformazione, ma manca di un punto di vista e di una sensibilità squisitamente architettonici. Da qui l’idea di un’indagine condotta da architetti e studiosi della storia e della geopolitica delle regioni in questione. I contributi del gruppo di architetti hanno il valore di un’iniziazione degli studi di architettura sulle regioni del Caucaso e dell’Asia Centrale; gli altri contributi, nella seconda parte del volume, inquadrano i primi in alcune figure, aspetti e fatti storici utili a una migliore comprensione dei fenomeni architettonici analizzati. Un ruolo significativo occupa un’antologia di brani, tra gli altri, della letteratura russa e caucasica, che definisce un ulteriore percorso parallelo attraverso la regione.

Alcune pagine
Indice
  • Premessa
  • Aldo Ferrari, Introduzione. Oltre la Russia e l’urss. Il Caucaso e l’Asia Centrale in cerca di una nuova identità culturale
  • Cartografia
  • Parte prima
  • Leone Spita, Imperi-Stati-Nazioni e il pensiero dello spazio. La rinascita e la perdita: multiculturalismo e trasformazioni architettoniche-urbane nel Caucaso Meridionale e nel bacino del Caspio
    • Marco Sorrentino, Caso studio. Abitare a Erevan nel xix secolo. Tra spazi ostentati e spazi celati: analisi tipologica
    • Anna Hunanyan, Caso studio. L’architettura sacra di Erevan dal 1920 a oggi. Dalla classificazione tipologica al rapporto tra spazio sacro e spazio pubblico
  • Valeriya Klets, Il Kazakistan oltre il nomadismo
  • Luca Reale, Abitare la città sovietica. Dal disurbanismo alla kommunalka: quartiere, casa e alloggio tra squilibri e illusioni
    • Luca Reale con Vato Zesashvili, Caso studio. Adattamento e trasformazione del microrayon sovietico. Il quartiere Gldani a Tbilisi
  • Sabrina Leone, Architettura della figura tra Occidente e Oriente: Tbilisi, Baku, Astana e la rete globale come sfondo
  • Parte seconda
  • Roberto Secchi, Un parco letterario nel paesaggio imperiale russo
  • Roberto Valle, Immagini dell’Imperium. Facciate e rovine della Russia-urss: Kapuśćiński e de Custine
  • Andrea Carteny, Dalle fonti italiane: le missioni italiane in Caucaso, 1862 e 1919-20
  • Renata Gravina, La Russia e l’Europa nell’iconografia di Jean Gottmann. Dal declino dell’Europa al sonderweg russo
  • Antologia di testi. Luoghi comuni nella letteratura russa e sul Caucaso. A cura di Roberto Secchi
  • Antonello Folco Biagini, Postfazione
  • Indice dei luoghi
Volumi della stessa collana