Catalogo / Fragile

Fragile
Handle with Care
Testi in italiano e inglese
ISBN 9788822902979
2018, pp. 64
240x320 mm, cartonato, immagini a colori
€ 24,00
€ 20,40 (prezzo online -15%)
Acquista
Preferiti
     
StoreDB
Il libro

IT. Petra Noordkamp ha usato le immagini in movimento per alternare dettagli e contesti del dopo terremoto. Il suo sguardo si posa sui segni del passaggio e dell’interruzione improvvisa del tempo, sulle persistenze della memoria e sulle tracce che essa lascia.
«Tutto è in rovina, intere strade sono state distrutte e dozzine di case sono ora soltanto macerie. Mi sento molto a disagio. Filmo gli edifici crollati, ma mi sento come una turista della catastrofe.
Di ritorno nelle Marche, mi preoccupo essenzialmente di catturare i primi piani degli oggetti abbandonati dagli abitanti nelle case in rovina. Anche se a volte è molto difficile – sembra quasi un furto –, credo sia importante registrare, preservare, dedicare attenzione a questi oggetti.
Durante questo mio breve viaggio nelle Marche ho potuto visitare gli ampi magazzini di Ancona e San Severino in cui sono custoditi centinaia di manufatti – sculture e dipinti – salvati dalle chiese devastate. Le opere sono state accuratamente imballate in carta da archivio e plastica a bolle, e meticolosamente etichettate. Anche se sono piena di ammirazione per coloro che hanno salvato questi oggetti e ora se ne prendono cura, mi chiedo perché non si sia rivolta la medesima attenzione verso i beni preziosi di quanti abitavano le case devastate».
Petra Noordkamp

EN. Petra Noordkamp used the images in motion to alternate details and background from after the earthquake. Her lens captures the passing and the sudden interruption of time, the persistence of memory, and the traces that it leaves behind. «Everything is ruined, entire streets have been eradicated, and dozens of houses have been transformed into rubble. I feel very ill at ease. I film the collapsed buildings, but I feel like a disaster tourist.
Back in the Marche, I primarily capture close-ups of the abandoned belongings of the inhabitants of the ruined houses. And though it’s sometimes very difficult, as it almost feels like theft, I believe it’s important to record, preserve, devote attention to these objects.
On this short trip across Marche, I had the opportunity to visit the large depots in Ancona and San Severino where hundreds of artefacts, sculptures and paintings – saved from the devastated churches – are being stored. These works have been carefully packed, in archival paper and bubble wrap, and meticulously labelled. And though I’m full of admiration for the people who save and cherish these objects, I wonder why there hasn’t been the same amount of attention for the treasured possessions of the inhabitants of the ravaged homes».
Petra Noordkamp


Terre in movimento
Progetto di committenza promosso da | A commissioned project by
Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio delle Marche

In collaborazione con | In collaboration with
MAXXI Architettura - Fondazione MAXXI
Associazione Demanio Marittimo.Km-278

A cura di | Curated by
Carlo Birrozzi
Pippo Ciorra

Sedi espositive | Exhibition venues
Ancona, Chiesa di San Gregorio Illuminatore già San Bartolomeo
14.12.2018 - 03.03.2019
Roma, Museo MAXXI
12.06.2019 - 08.09.2019

Gli altri libri | Other books
Cofanetto | Slipcase
Paola De Pietri, Improvvisamente
Petra Noordkamp, Fragile. Handle with Care

Galleria d'immagini
L'autore
Petra Noordkamp

IT. L’artista olandese Petra Noordkamp (nata nel 1967) si muove agevolmente tra fotografia e cinema. Esplora l’influenza delle esperienze, dei ricordi, dei film e dei sogni sulla percezione dell’architettura e dell’ambiente urbano. Il suo lavoro, che è caratterizzato da un grande amore per la semplicità, per il vuoto, per la forma e l’estetica, trasmette una sensazione di solitudine, alienazione e malinconia.
Vive e lavora ad Amsterdam, dove ha studiato fotografia presso la Gerrit Rietveld Academie. Per diversi anni lavora per riviste e quotidiani, partecipando però anche a a varie mostre collettive, fin quando, nel 2012, realizza il suo primo cortometraggio. The Mother, the Son and the Architect venne presentato al Fotografiemuseum (Foam) di Amsterdam, nell’ambito di una mostra dedicata al suo lavoro, ed è stato selezionato per vari festival cinematografici e mostre, in Olanda e nel resto del mondo. Nell’autunno del 2013 è stata artist-in-residence all’American Academy di Roma. Nel 2014 la Solomon R. Guggenheim Foundation di New York le ha commissionato un cortometraggio su Il Grande Cretto di Gibellina, un’opera di land art dell’italiano Alberto Burri. Il film è stato proiettato al Guggenheim durante la retrospettiva di Burri, nel 2015; nel 2016 è stato presentato al K21 di Düsseldorf, al MAXXI di Roma, alla Fondazione Burri di Città di Castello e al Centre Pompidou di Parigi. Nel gennaio del 2018, il suo ultimo film, When you return I’ll be living by the waterside, è stato proposto in anteprima mondiale all’International Film Festival Rotterdam, e a Venezia ha vinto il premio del Move Cine Arch per la “migliore forma”.

EN. Dutch artist Petra Noordkamp (b. 1967) moves fluidly between photography and film. She explores the influence of experiences, memories, movies and dreams on the perception of architecture and the urban environment. Her work is characterized by a great love of simplicity, emptiness, form and aesthetics, radiating a feeling of loneliness, alienation and melancholy.
She lives and works in Amsterdam where she studied photography at the Gerrit Rietveld Academie. Having worked for magazines and newspapers for several years, as well as participating in various group exhibitions, in 2012 she made her first short film. The Mother, the Son and the Architect was shown in an exhibition of her work at Foam photography museum in Amsterdam and was selected for various Dutch and international film festivals and exhibitions. She was an artist-in-residence at the American Academy in Rome in autumn 2013. In 2014 the Solomon R. Guggenheim Foundation in New York commissioned her to make a short film about Il Grande Cretto di Gibellina, a land art work by the Italian artist Alberto Burri. This film was screened at the Guggenheim during the Burri retrospective in 2015. In 2016 it was shown at K21 in Düsseldorf, MAXXI in Rome, Fondazione Burri in Citta di Castello and the Centre Pompidou in Paris. Her latest film When you return I’ll be living by the waterside had its world premiere at International Film Festival Rotterdam in January 2018 and it won the Move Cine Arch’s Award for Best Form in Venice.

Pubblicazioni dell'autore
Paola De Pietri, Petra Noordkamp, Olivo Barbieri

Terre in movimento

euro 40,80
Volumi della stessa collana