Catalogo / Il primato dell'occhio

Il primato dell'occhio
Temi e metodo della storia dell’arte in età moderna
ISBN 9788822903167
2019, pp. 160
140x215 mm, brossura
€ 18,00
€ 15,30 (prezzo online -15%)
Altre edizioni
Acquista
Preferiti
     
StoreDB
Il libro

Le opere d’arte parlano da sole e, a secoli di distanza, gli antichi maestri «continuano a inviarci il loro inconfondibile raggio di luce». È importante però esaminare dipinti e sculture nella loro dimensione più concreta, leggere in modo corretto il linguaggio figurativo che li caratterizza. Questo libro ambisce quindi a essere una guida per comprendere meglio i lineamenti fondamentali, i temi e i contenuti della storia dell’arte nella prima età moderna – dal Rinascimento all’Illuminismo – e a illustrare al lettore i primi strumenti di un appropriato ed autonomo metodo di studio. Il titolo, Il primato dell’occhio, allude alla testimonianza figurativa come documento primario di per sé, legando idealmente le riflessioni di Leonardo sulla vista come strumento fondamentale di giudizio alla tradizione dei conoscitori, le analisi di Vasari agli attuali metodi attributivi ed esegetici. Queste pagine intendono però anche far riflettere su alcuni grandi temi, come la periodizzazione della storia dell’arte moderna, i mutamenti che si registrano nei rapporti tra artisti e società, pittura e cultura umanistica, produzione figurativa e dibattito religioso nel Cinquecento.

Indice
  • I. Introduzione
    • 1. Finalità didattiche
    • 2. Crisi d’identità della storia dell’arte
    • 3. Segni di ripresa della disciplina

  • II. Caratteri e peculiarità della produzione artistica in età moderna
    • 1. Periodizzazione della storia dell’arte moderna
    • 2. Cesura conclusiva per la storia dell’arte moderna
    • 3. Le arti figurative e il pieno affermarsi della dimensione visiva
    • 4. Il coinvolgimento dello spettatore. Il ritratto e il suo interlocutore
    • 5. Dal disegno all’invenzione
    • 6. L’accademia: un’istituzione per il riscatto degli artisti
    • 7. Protagonisti, comprimari, comparse
    • 8. L’artista da giovane
    • 9. Le fonti scritte, fortuna dei maestri. I documenti d’archivio e la loro interpretazione
    • 10. Il dibattito religioso e le arti figurative
    • 11. Nascita dei generi (paesaggio; la scena di vita popolarenatura morta)

  • III. Lettura e attribuzione dell’opera d’arte (una proposta di metodo)
    • 1. Conoscere e riconoscere le opere d’arte
    • 2. Aspetti tecnici e materiali
    • 3. Il formato
    • 4. Mutamenti iconografici
    • 5. Riconoscimento dello stile o delle «maniere». Dalla «finestra» albertiana allo specchio della realtà. Sviluppi della composizione figurata nella prima età moderna
    • 6. La ricerca delle coordinate spazio-temporali
    • 7. Natura oggettiva della qualità dell’opera d’arte
    • 8. Il primato dell’occhio: da Leonardo ai conoscitori

  • Bibliografia ragionata

L'autore
Alessandro Angelini

Alessandro Angelini insegna Storia dell’arte moderna all’Università degli Studi di Siena. Ha pubblicato numerosi studi e saggi, sia sul Rinascimento – tra i quali i contributi apparsi in Pio II e le arti. La riscoperta dell’antico da Federighi a Michelangelo (Silvana Editoriale, 2005) e la monografia Piero della Francesca (Il Sole 24 Ore, 2014) –, sia sull’età barocca: Gian Lorenzo Bernini e i Chigi tra Roma e Siena (Silvana Editoriale, 1998).