Catalogo / Attraverso la storia dell’estetica
Vol. 2: da Kant a Hegel

Attraverso la storia dell’estetica
Vol. 2: da Kant a Hegel
ISBN 9788822904058
2019, pp. 400
140x215 mm, brossura
€ 26,00
€ 22,10 (prezzo online -15%)
Acquista
Preferiti
     
StoreDB
Il libro

Questo è il secondo tomo di una storia dell’estetica moderna in tre volumi (Attraverso la storia dell’estetica), che, iniziata con Dal Settecento al Romanticismo, si concluderà con Dalla fine dell’Ottocento a oggi. Non si tratta di una storia di taglio manualistico, che aspiri ad una irraggiungibile completezza, dedicando un pur piccolo spazio a quanti più autori possibile. Al contrario, essa si concentra su poche figure salienti, consacrando loro un’ampia trattazione. In questo volume i protagonisti sono i grandi filosofi tedeschi operanti tra la fine del Settecento e la prima metà dell’Ottocento. Si inizia con Kant, con una lettura genetica della Critica del Giudizio che è anche una guida all’interpretazione di quest’opera fondamentale, e si prosegue con un’analisi puntuale dei paragrafi dell’Analitica del Sublime (sempre dalla terza Critica). Dopo un rapido richiamo a Schiller, molte pagine sono dedicate all’Estetica di Hegel, ricostruita grazie alle testimonianze dirette relative ai corsi tenuti dal filosofo tra il 1821 e il 1829, e resesi disponibili soltanto negli ultimi anni. Il tema hegeliano della «morte dell’arte» è ripreso nel capitolo dedicato a Carl Gustav Jochmann, un autore ancora poco conosciuto in Italia, mentre il punto di arrivo è rappresentato da un filosofo la cui estetica, pur altamente originale, ha raramente ottenuto l’attenzione che avrebbe meritato: Friedrich Schleiermacher.

Indice
  • Premessa

  • 1. Lettura genetica della Critica del Giudizio
  • 2. Kant e il sublime. Una lettura dei paragrafi 25-28 della Critica del Giudizio
  • 3. Schiller e Manzoni: quasi una fantasia
  • 4. Viatico per l’estetica hegeliana
  • 5. L’Estetica di Hegel nel corso del 1823
  • 6. La religione naturale nella Fenomenologia dello Spirito
  • 7. Il corpo umano nell’estetica di Hegel
  • 8. L’arte come «maestra dei popoli»
  • 9. Raffaello, Leonardo e Michelangelo nelle Lezioni di Estetica di Hegel
  • 10. Hegel e la teoria romantica della pittura
  • 11. Europa e America: Paul de Man legge l’Estetica di Hegel
  • 12. Carl Gustav Jochmann: i regressi della poesia e la morte dell’arte
  • 13. L’estetica di Friedrich Schleiermacher
  • 14. Schleiermacher sul concetto dell’arte
  • 15. L’estetica di Schleiermacher e il Romanticismo

  • Indice dei nomi

L'autore
Paolo D’Angelo

Paolo D’Angelo è professore ordinario di Estetica presso il Dipartimento di Filosofia, Comunicazione e Spettacolo dell’Università Roma Tre. Con Quodlibet ha pubblicato: Ars est celare artem. Da Aristotele a Duchamp (2005, 2014, tradotto in inglese e giapponese); Cesare Brandi. Critica d’arte e filosofia(2006); Le arti nell’estetica analitica (2008); Filosofia del paesaggio (2010, 2014); Il problema Croce (2015)Attraverso la storia dell’estetica. Vol. I: Dal Settecento al Romanticismo (2019) e il Vol. II: da Kant a Hegel. Tra gli altri suoi lavori ricordiamo: Estetica (Laterza, 2011); Le nevrosi di Manzoni (il Mulino, 2013); L’estetica del Romanticismo (il Mulino, 2018).

Pubblicazioni dell'autore
Paolo D’Angelo

Il problema Croce

euro 18,70
Paolo D’Angelo

Filosofia del paesaggio

euro 12,75
Paolo D’Angelo

Ars est celare artem

euro 11,47
Paolo D’Angelo

Filosofia del paesaggio

€ 18,00
Paolo D’Angelo

Cesare Brandi

euro 13,60
Paolo D’Angelo

Ars est celare artem

€ 16,00
Volumi della stessa collana