Catalogo / Pietre di pane

Pietre di pane
Un'antropologia del restare
ISBN 9788822921543
2024, pp. 224
140x220 mm, brossura
€ 20,00
€ 19,00 (prezzo online -5%)
Acquista
Preferiti
     
StoreDB
Il libro

Nulla più dell’idea del «restare» potrebbe apparire estraneo alla storia del sapere etnografico. Restare sembra l’antitesi del viaggiare, del mettersi in discussione, della disponibilità al disordine, alla scoperta, all’incontro.
Ma davvero l’idea e la pratica del restare sono inconciliabili con l’esperienza antropologica? E, soprattutto, è possibile pensare un viaggiare separatamente dall’esperienza del restare, e davvero il restare va accostato all’immobilità, alla scelta di non incontrare l’alterità e di non fare i conti con la propria ombra, il proprio doppio? Restare è difendere un appaesamento o esiste anche una maniera spaesante di restare che, a volte, può risultare più scioccante del viaggiare?
L’avventura del restare – la fatica, l’asprezza, la bellezza, l’etica della «restanza» – non è meno decisiva e fondante dell’avventura del viaggiare. Le due avventure sono complementari, vanno colte e narrate insieme.
Restare, allora, non è stata, per tanti, una scorciatoia, un atto di pigrizia, una scelta di comodità; restare è stata un’avventura, un atto di incoscienza e, forse, di prodezza, una fatica e un dolore. Senza enfasi, ma restare è la forma estrema del viaggiare.
Attraverso racconti, memorie, note di viaggio e riflessioni, che si fondono in un romanzo antropologico ambientato tra la Calabria e il Canada, Vito Teti ricostruisce la complessità della «restanza», senza nessun cedimento a un’estetica dell’immobilismo e con una sofferta interrogazione sul senso dell’erranza nell’epoca della modernizzazione globale.

Indice
  • Nuovi spaesamenti. Introduzione alla nuova edizione
  • Prologo. Del restare
  • Il turno di Angelino
  • Il cammino di Vallelonga
  • Interludio
  • La casa dei trentatré pani
  • Fichi a Toronto
  • Interludio
  • L’ombra e la macchina da cucire
  • Interludio
  • Le reti di Murat
  • Nuvole e rughe
  • Le pietre di mio cugino Giò
  • I funerali dell’Imperatore
  • Interludio
  • Madre di paese
  • Nota bibliografica
  • Notizia sui testi
L'autore
Vito Teti

Vito Teti, già ordinario di Antropologia culturale presso l’Università della Calabria, si occupa attualmente di antropologia e letteratura dei luoghi. Tra i suoi libri piú recenti ricordiamo: Maledetto Sud (Einaudi, 2013); Fine pasto. Il cibo che verrà (Einaudi, 2015); Il colore del cibo. Geografia, mito e realtà dell’alimentazione mediterranea (Meltemi, 2019); Prevedere l’imprevedibile. Presente, passato e futuro in tempo di coronavirus (Donzelli, 2020); Nostalgia. Antropologia di un sentimento del presente (Marietti, 2020) e La restanza (Einaudi, 2022). Presso Quodlibet ha pubblicato Il Patriota e la maestra. La misconosciuta storia d’amore e ribellione di Antonio Garcèa e Giovanna Bertòla ai tempi del Risorgimento (2012) e Pietre di pane. Un'antropologia del restare (2012, 2014, 2024).

Pubblicazioni dell'autore
Vito Teti

Pietre di pane

€ 20,00
Vito Teti

Il patriota e la maestra

€ 28,00
Vito Teti

Pietre di pane

€ 22,00
Volumi della stessa collana