Catalogo / Del principio di contraddizione in Aristotele

Del principio di contraddizione in Aristotele

A cura di Gabriele Franci e Claudio Antonio Testi

Presentazione di Maurizio Matteuzzi

Traduzione di Grazyna Maszkowska

ISBN 9788874620029
2003, pp. 232
160x225 mm, brossura con bandelle
€ 22,00
Temporaneamente non disponibile
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

Il saggio di Lukasiewicz che proponiamo qui per la prima volta in italiano è stato considerato per tutto il Novecento una pietra miliare sia fra gli studi dedicati al pensiero di Aristotele – per la ricchezza dei richiami testuali e la perizia nella loro disamina – sia, e soprattutto, per gli sbocchi che apre alla logica contemporanea, di cui l’autore è universalmente riconosciuto come uno dei principali esponenti. La sostanziale indimostrabilità (ma soprattutto non necessità) logica di una legge all’apparenza inconfutabile come il “principio di contraddizione” consente a Lukasiewicz di giungere alla scoperta della cosiddetta logica polivalente, in cui, in buona sostanza, il “vero” e il “falso” non sono più le uniche due alternative possibili per il pensiero. Assistiamo a un’escursione del pensiero, tra l’altro di esemplare chiarezza, che per certi aspetti e per certi esiti è affine alle “rivoluzioni copernicane” di Kant o di Gödel, o al percorso di Janós Bolyai che, con altri, ci apre la strada alla pensabilità di universi non euclidei; o anche all’esperienza di Meinong (non a caso maestro di Lukasiewicz) che prova a costruire un sistema basato sulla pensabilità degli oggetti inesistenti. Allo stesso modo Lukasiewicz ci fa vedere come sia perfettamente possibile pensare rigorosamente senza far valere il principio di contraddizione; mentre, a suo parere, la necessità di detto principio deriva dalle sfere dell’etica e della politica, come se si trattasse del collante indispensabile affinché la civile convivenza non si sgretoli come d’incanto.

Indice
  • Presentazione di Maurizio Matteuzzi
  • Introduzione
  • I. Le tre formulazioni del principio di contraddizione
  • II. Il rapporto tra il principio ontologico di contraddizione e il principio logico di contraddizione
  • III. Le relazioni tra il principio ontologico e logico di contraddizione con il principio psicologico di contraddizione
  • IV. Critica della prova aristotelica del principio psicologico di contraddizione
  • V. Critica del principio psicologico di contraddizione
  • VI. L’indimostrabilità del principio ontologico e del principio logico di contraddizione
  • VII. Il principio di contraddizione e il principio di identità
  • VIII. Il principio ultimo
  • IX. Le dimostrazioni elenctiche di Aristotele
  • X. Il principio di contraddizione e il principio di doppia negazione
  • XI. Il principio di contraddizione e «l’essenza» delle cose
  • XII. Le prove apagogiche del principio di contraddizione
  • XIII. L’ignoratio elenchi nelle prove di Aristotele
  • XIV. Caratteristiche delle prove di Aristotele
  • XV. Il principio di contraddizione e il principio del sillogismo
  • XVI. Logica non aristotelica
  • XVII. La prova del principio di contraddizione
  • XVIII. Il principio di contraddizione e le costruzioni mentali
  • XIX. Il principio di contraddizione e la realtà
  • XX. Il significato del principio di contraddizione
  • XXI. Elenco dei risultati
  • Appendice: Il principio di contraddizione e la logica simbolica
    • Sui cosiddetti «principi logici» di Gabriele Franci
    • Il principio di contraddizione in Tommaso D’Aquino di Claudio Antonio Testi
    • Indice delle citazioni da Aristotele
    • Indice dei nomi
L'autore
Jan Lukasiewicz
Volumi della stessa collana