Catalogo / I bambini perduti

I bambini perduti
Il mito del ragazzo selvaggio da Kipling a Malouf
ISBN 9788874621392
2006, pp. 204
140x215 mm, brossura
€ 18,00
€ 15,30 (prezzo online -15%)
Acquista
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

I «fanciulli selvaggi» incarnano la speranza di un impossibile ritorno alla natura, a una selvatichezza libera e incontrollata, e interpretano un mito che continua a parlare alle nostre coscienze. Il tema che questo saggio si propone di affrontare si concentra sul rapporto tra l’idea di feral child espressa da Kipling nel celeberrimo personaggio di Mowgli e quella che emerge nelle opere del narratore e poeta australiano David Malouf. Mowgli cela in sé un’idea di conciliazione, ma anche di violento contrasto tra la maturità inglese e l’infanzia indiana del suo autore, sintetizzate in una identità imperiale. Per contro la visione offerta da Malouf è quella di un puer in grado di destabilizzare, di mettere in discussione identità e ruoli imperiali acquisiti come inderogabili. Da un lato, quindi, si analizza un mito coloniale e, dall’altro, una sua sfuggente ed elusiva interpretazione postcoloniale.

Volume disponibile anche in versione elettronica. Acquista su: torrossa.it

Indice
  • Introduzione. Il «mondo intermedio» di Paul Klee
  • I. Il secolo dei ragazzi selvaggi
  • II. O beloved kids
  • III. Il paese dei bambini perduti
  • IV. L’ombra a quattro zampe
  • Una conclusione ancora possibile?
  • Bibliografia
  • Indice dei nomi
L'autore
Matteo Baraldi

Matteo Baraldi collabora con il Centro Studi Omeoglotti dell’Università di Bologna occupandosi principalmente di letteratura e cultura australiana.

Volumi della stessa collana