Catalogo / Il volto e la parola

Il volto e la parola
Psicologia dell'apparenza
ISBN 9788874621576
2007, pp. 264
140 x 215
€ 20,00
€ 17,00 (prezzo online -15%)
Acquista
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

«Oh questi Greci!» scriveva Nietzsche nella Prefazione della Gaia scienza «Loro sì sapevano vivere; per vivere occorre arrestarsi animosamente alla superficie, all’increspatura, alla scorza, adorare l’apparenza, credere a forme, suoni, parole, all’intero olimpo dell’apparenza! Questi Greci erano superficiali – per profondità!». L’idea di questo libro nasce da questa sfida: è possibile immaginare una psicologia che sfugga alla contrapposizione fra interno – pensieri, sentimenti, emozioni, paure, desideri – ed esterno, cioè il linguaggio, i gesti, il comportamento, l’insieme di mezzi attraverso i quali l’interiore diventerebbe esteriore? Nulla ci sembra più naturale di quell’antica immagine che ci vuole divisi in due parti, la psiche da un lato, il corpo con le sue manifestazioni dall’altro. E allora o si sta per l’interno (da ultimo, il cognitivismo), oppure si sta per l’esterno (l’aborrito comportamentismo). Intorno a questa coppia potentissima se ne articolano molte altre: individuo e società, pensiero ed espressione, intenzione ed azione, invisibile e visibile, e molte altre ancora.
La proposta di questo libro è radicale e semplice insieme: abbandonare questa vetusta e impensata contrapposizione, e proporre come immagine guida della psicologia il magico nastro di Möbius, una superficie che ha una sola faccia e non permette di distinguere in modo assoluto fra interno ed esterno. Allora si comprende quello che scrive Nietzsche (e dopo di lui Wittgenstein), che non ha senso scegliere il solare esterno – la superficie – rispetto all’ombroso e nascosto interno: questa mossa è stata fatta tante volte, nella storia della filosofia e della psicologia. È una mossa inutile, perché rimane impigliata in quella stessa contrapposizione che critica. Bisogna invece pensare, di nuovo, una psiche unitaria, al di qua delle divisioni e delle contrapposizioni.

Indice: Introduzione - 1. Il filosofo e le forme - 2. La natura della lingua - 3. Chi parla? - 4. Storia naturale dell’interiorità - 5. L’impensabile: corpo ed autocoscienza - 6. Il gioco e la libertà - Riferimenti bibliografici

L'autore
Felice Cimatti

Felice Cimatti insegna Filosofia del Linguaggio all’Università della Calabria. Fra le sue recenti pubblicazioni, La vita che verrà. Biopolitica per “Homo sapiens” e Filosofia dell’animalità. Ha curato, insieme a Silvia Vizzardelli, Filosofia della psicoanalisi. Un’introduzione in ventuno passi, con Alberto Luchetti Corpo, Linguaggio e psicoanalisi, e con Leonardo Caffo A come animale. Per un bestiario dei sentimenti. Nel 2012 ha ricevuto il “Premio Musatti” dalla SPI (Società Psicoanalitica Italiana). È docente dell’Istituto Freudiano, sede di Roma. È uno dei conduttori del programma radiofonico di attualità culturale Fahrenheit, Radio3.

Pubblicazioni dell'autore
Felice Cimatti

Il taglio

euro 15,30
Volumi della stessa collana