Catalogo / Il messaggio cristiano e la storia

Il messaggio cristiano e la storia
Introduzione, edizione e note di Filippo Mignini
ISBN 9788874621620
2007, pp. LXVI-100
155x240
€ 16,50
€ 14,02 (prezzo online -15%)
Acquista
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

Osservatore acuto della storia (alla cui analisi era stato introdotto da Antonio Labriola), nella primavera del 1943 fece stampare a proprie spese cento copie di un opuscolo intenso e provocatorio, Il messaggio cristiano e la storia, nel quale si interrogava sulle ragioni che avevano condotto la civiltà occidentale, guidata per due millenni dal cristianesimo, all’immane tragedia della seconda guerra mondiale. Inadeguatezza del messaggio cristiano a farsi esperienza umana oppure fallimento di chi avrebbe dovuto tradurlo in vita vissuta?
Distribuito personalmente l’opuscolo, negli ultimi mesi della sua vita Murri ne rivide e ampliò il testo con l’intenzione di stamparlo di nuovo; ma la morte dell’autore e le vicende umane hanno impedito che questo avvenisse. Ora l’edizione definitiva preparata dall’autore vede finalmente la luce. Si tratta di un testo che, a sessantre anni di distanza e in un ordine mondiale completamente diverso, interroga ancora con forza chiunque abbia a cuore non solo le sorti del cristianesimo, ma anche quelle della storia

Indice: Introduzione - Nota al testo - Sigle - Il messaggio cristiano e la storia - Note -Cronologia -Bibliografia - Indice dei nomi

L'autore
Romolo Murri

Romolo Murri (Montesanpietrangeli 1870-Roma 1944), sacerdote, filosofo e teologo, teorico e animatore di un movimento politico dei cattolici autonomo dalla Chiesa, fondatore della fuci nel 1895, quindi della Democrazia Cristiana Italiana (1901-1904), dopo lo scioglimento di questa da parte di Pio X si scontrò con la Chiesa ufficiale, venendo sospeso a divinis (1907) e quindi scomunicato (1909). Parlamentare dal 1909 al 1913, sostenne l’intervento dell’Italia alla prima guerra mondiale e guardò con favore, inizialmente, l’avvento del fascismo. Ritiratosi dalla militanza politica, si impegnò in una intensa attività di giornalista e saggista, volta soprattutto a promuovere una riforma interna della Chiesa cattolica e a trovare una filosofia che consentisse al cristianesimo di dialogare con la cultura moderna. Riammesso negli ultimi mesi ai sacramenti, morì il 12 marzo 1944