Catalogo / Narrazione breve e personaggio

Narrazione breve e personaggio
Tozzi, Pirandello, Bilenchi, Calvino
ISBN 9788874622085
2008, pp. 208
140 x 215
€ 20,00
€ 17,00 (prezzo online -15%)
Acquista
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

La letteratura del Novecento italiano inaugura una nuova attenzione nei confronti della narrazione breve, novella e racconto. Il volume affronta l'esperienza di quattro grandi autori che a questa forma letteraria hanno dedicato impegno di teoria e di realizzazione creativa: esponenti di primo piano del quadro culturale e letterario del primo Novecento, Federigo Tozzi e Luigi Pirandello, e della seconda metà del secolo, Romano Bilenchi e Italo Calvino. Per quanto riguarda Tozzi, Pirandello e Bilenchi, all'esplorazione della riflessione concernente la narrazione breve si accompagna l'analisi di alcune novelle o racconti; si mettono così in luce livelli tematici e modalità morfologiche che esemplificano aspetti significativi della loro poetica, con particolare riguardo alla configurazione del personaggio nei suoi tratti principalmente identificativi. Per quanto concerne Calvino invece, nella sua proposta novecentesca del modello del racconto (Se una notte d'inverno un viaggiatore) si vaglia la potenziale autonomia dei racconti inseriti all'interno della cornice dell'opera, accogliendo un suggerimento a suo tempo espresso dall'autore stesso. Inoltre, secondo un procedimento di intersezioni fra diversi temi e problematiche, una trattazione è dedicata al rapporto di Calvino con le arti visive, in particolare con il lavoro di Giulio Paolini, che in sue recenti esposizioni e nel volume Quattro passi. Nel museo senza muse si è richiamato alla poetica calviniana, a volerne testimoniare una viva attualità.

Indice: Premessa - Abbreviazioni; 1. Tozzi e la «geometria della novella»; 2. Bilenchi e l'invenzione del racconto: Gli anni impossibili; 3. Calvino: il racconto nel racconto; 4. Bestie: «la corrente della coscienza» - Indice dei nomi.

L'autore
Giancarlo Bertoncini

Giancarlo Bertoncini insegna Letteratura italiana all'Università di Pisa. Si è occupato principalmente di narrativa otto-novecentesca. Ha pubblicato: Giovanni Boine nella civiltà letteraria del primo Novecento, Liviana 1973, Studi tozziani, Vecchiarelli 1996; Vasco Pratolini, Edizioni dell'Ateneo 1983, "Una bella invenzione": Giuseppe Montani e il romanzo storico, Liguori 2004, nonché saggi su Alvaro, Bilenchi, Moravia, Pea e il neorealismo. Ha curato: G. Comisso, Il sereno dopo la nebbia, Longanesi 1974; M. Pratesi, L'eredità, Liguori 1990; F. Tozzi, Pagine critiche, ETS 1993; A. Palli, Alessio ossia gli ultimi giorni di Psara, Belforte 2003; M. La Cava, Mimì Cafiero, Ilisso-Rubbettino 2006; A. Benci, Piero d'Orezza, Manni 2006.

Volumi della stessa collana