Catalogo / Il sogno

Il sogno
Mutamenti nella concezione e interpretazione dai Greci al presente

A cura di Elisabetta Basso

Introduzione di Francoise Dastur

ISBN 9788874622467
2009, pp. XXXIV-160
165x240 mm, brossura
€ 22,00
€ 18,70 (prezzo online -15%)
Acquista
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

Il sogno (1928) di Ludwig Binswanger costituisce un tassello fondamentale per comprendere il progetto teorico dello psichiatra svizzero, che all’epoca della stesura di questo «prezioso libretto sul sogno» – come ebbe a definirlo Sigmund Freud – si trovava a un punto di svolta tra psicoanalisi e fenomenologia. Attraverso la problematica del ruolo che il sogno riveste nella dinamica della «vita psichica», questo saggio – che nel suo intento iniziale si proponeva quale completamento della parte storico-letteraria dell’Interpretazione dei sogni freudiana – getta luce sulla totalità dell’opera binswangeriana rivelandone una posta in gioco tutt’oggi di grande attualità: ovvero la relazione della psichiatria con l’esistenza e la sua storicità.
In questo volume, non ci troviamo unicamente al cospetto di un’erudita rassegna di testi che l’Occidente ha consacrato al sogno – frutto del grande interesse che Binswanger ha sempre mostrato per la letteratura, la poesia, l’arte e la filosofia. La cosa più importante è che tali interessi si innestano appieno nell’originale orizzonte epistemologico che egli va costituendo, il che gli procurerà fra i suoi lettori più attenti alcuni grandi nomi non solo della psicoanalisi e della psichiatria contemporanee, ma anche della filosofia, non ultimi quelli di Jean-Paul Sartre, Maurice Merleau-Ponty e Michel Foucault.

Indice
  • Introduzione di Françoise Dastur
  • Ludwig Binswanger. Profilo della vita e delle opere
  • Il sogno. Mutamenti nella concezione e interpretazione dai Greci al presente
    • Premessa
    • 1. I problemi del sogno nei Greci e le loro relazioni con il nostro tempo
    • 2. Concezione e interpretazione del sogno dal Medioevo al Romanticismo
    • 3. Dal Romanticismo all’età presente
    • 4. Dall’analisi di due serie di sogni
  • Appendice [Resoconto dell’autore]
  • Il sogno e il dramma immanente del destino. «Un saggio di ricerca frammentaria» di Elisabetta Basso
  • Indice dei nomi
L'autore
Ludwig Binswanger

Nato a Kreuzlingen in Svizzera nel 1881, nel 1906 conclude gli studi universitari e inizia a lavorare come assistente medico nella clinica psichiatrica universitaria di Zurigo; qui consegue il dottorato sotto la guida di Carl Gustav Jung e grazie a lui intraprende una duratura amicizia con Freud, rafforzata da scambi epistolari di durata trentennale, ricchi di intimità ma anche di attriti critici dati da prospettive diverse sullo statuto scientifico della psicologia. Nel 1911 inizia a dirigere il sanatorio fondato dal padre: il “Bellevue Sanatorium”, che sotto la sua guida divenne uno dei centri di maggior fama in Europa per gli stimoli culturali e il dibattito che stimolò tra i vari studiosi del tempo: Husserl, Scheler, Heiddeger, Buber e Freud. Negli anni Venti inizia ad approfondire la fenomenologia di Husserl e la filosofia esistenziale di Heidegger che applicò allo studio e alla cura della malattia mentale. Le sue idee hanno tentato un nuovo approccio alla sofferenza psichica e proposto una forma di psicoterapia basata sulla comunicazione e l’incontro con il paziente schizofrenico osservato e curato con amorevole sensibilità durante lunghi anni di esercizio terapeutico. Morì nel suo luogo natale nel 1966.

Pubblicazioni dell'autore
Volumi della stessa collana