Catalogo / Il nemico di tutti

Il nemico di tutti
Il pirata contro le nazioni

Traduzione di Giuseppe Lucchesini

ISBN 9788874622610
2010, pp. 296
160x225 mm, brossura con bandelle
€ 22,00
€ 18,70 (prezzo online -15%)
Acquista
Preferiti
     
StoreDB
Il libro

Secondo una celebre affermazione di Cicerone, esistono nemici con i quali si può negoziare, e con cui, ove le circostanze lo consentano, si può stabilire una tregua; ma esiste anche un nemico con il quale i trattati restano lettera morta, e la guerra continua senza fine: questi è il pirata, che gli antichi giuristi consideravano «il nemico di tutti». A partire dalla descrizione ciceroniana dell’avversario, questo libro ricostruisce il mutevole ruolo che la figura del pirata ha svolto nel pensiero giuridico e politico dall’antichità al medioevo, e dall’età moderna alla contemporaneità. Oggi, come sostiene Heller-Roazen, il pirata costituisce la chiave del paradigma contemporaneo dell’avversario universale, persona giuridica e politica di carattere eccezionale, né criminale né nemico, che dimora in una regione extraterritoriale. Contro tale avversario gli Stati possono combattere battaglie straordinarie, implementare strategie politiche e giustificare misure militari in nome della prosperità e della sicurezza.
Attingendo ai diversi materiali di numerose discipline – dal diritto alla storia, dalla teoria politica alla letteratura –, Il nemico di tutti fa emergere il paradigma coerente che definisce l’atto di pirateria. Questo «paradigma piratico» consiste nella compresenza di quattro elementi: una regione al di fuori della giurisdizione territoriale; operatori che non possono essere ricondotti a uno Stato costituito; il collasso della distinzione fra categorie criminali e politiche; infine, la trasformazione del concetto di guerra. Quando sentiamo parlare di regioni che si trovano «oltre i confini della legge», nelle quali vengono perpetrati, «contro l’umanità», atti di «indiscriminata aggressione», dobbiamo cominciare a riconoscere che siamo di fronte ad atti di pirateria. Dopo essere stato spesso considerato un personaggio del lontano passato, il nemico di tutti è oggi più vicino a noi di quanto si possa pensare. Anzi, forse non è mai stato così vicino.

Indice
  • Prefazione
  • I. Al di là del confine
  • II. Voci di scomparsa
  • III. «I sentieri dell’acqua» – IV. Catture
  • V. Fra monarchi e fuorilegge
  • VI. Traversate
  • VII. Per mare
  • VIII. Dialettica dei lupi di mare
  • IX. Antichi nemici
  • X. Giovani antagonisti
  • XI. Il diritto dei cammelli del mare
  • XII. Delle gabbie di ferro e degli U-boot
  • XIII. Giustificare l’umanità
  • XIV. Terra e mare
  • XV. Nei cieli
  • XVI. Verso la guerra perpetua
    • Note
    • Bibliografia
    • Indice analitico
L'autore
Daniel Heller-Roazen

Daniel Heller-Roazen insegna Letteratura comparata a Princeton ed è il traduttore inglese di Giorgio Agamben. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo: Fortune's Faces: The Roman de la Rose and the Poetics of Contingency (The Johns Hopkins University Press 2003), Echolalias: On the Forgetting of Language (Zone Books 2005), The Inner Touch: Archaeology of a Sensation (Zone Books 2007), The enemy of all: Piracy and the Law of Nations (Zone Books 2009). In italiano sono stati pubblicati da Quodlibet: Ecolalie. Saggio sull’oblio delle lingue (2007), Il nemico di tutti. Il pirata contro le nazioni (2010) e Il tatto interno. Archeologia di una sensazione (2013), Il quinto martello. Pitagora e l’armonia del mondo (2017) e Lingue oscure. L’arte dei furfanti e dei poeti (2019).

Pubblicazioni dell'autore
Daniel Heller-Roazen

Lingue oscure

euro 16,15
Daniel Heller-Roazen

Il quinto martello

euro 17,00
Daniel Heller-Roazen

Il tatto interno

euro 22,10
Daniel Heller-Roazen

Ecolalie

euro 20,40
Volumi della stessa collana