Catalogo / Conferenze di estetica lacaniana e lezioni romane

Conferenze di estetica lacaniana e lezioni romane

Presentazione di Antonio Di Ciaccia.

ISBN 9788874622788
2009, pp. 200
140x215 mm, brossura
€ 20,00
€ 17,00 (prezzo online -15%)
Acquista
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

La prima parte del volume, «Conferenze di estetica lacaniana», è uscita in Francia nel 1997 con il titolo Conférences d’esthétique lacanienne, Éditions Agalma, Paris. Traduzione di Nuccia. Le «Lezioni romane» sono state tradotte da Anne Dunand, Céline Menghi e Roberto Cavasola nel corso dell’insegnamento all’Istituto freudiano. A partire dalla registrazione originale esse sono state tradotte e redatte da Michele Bianchi e Vincenzo Rapone.

 

Se c’è un’etica della psicoanalisi, come viene affermato in una di queste conferenze, non c’è estetica della psicoanalisi. Si rimarrà allora sorpresi che il titolo supponga che ci sia almeno un’estetica lacaniana. Ma il titolo può non implicare neppure questo, ma soltanto che possa esserci dell’estetica lacaniana. Vale a dire che a partire da Lacan possiamo orientarci in più modi: nelle questioni dell’arte, nell’arte di analizzare, nell’antifilosofia – come un’arte della disinvoltura nei confronti delle dottrine, prendendo qua o là una qualche trovata filosofica – e nella catarsi infine, cioè l’arte di gestire gli affetti, i propri e quelli degli altri.

L'autore
Francois Regnault

François Regnault è Maître de Conférences al Dipartimento di Psicoanalisi dell’Università di Parigi VIII. Ascoltatore e lettore sempre attento di Jacques Lacan è inscritto attivamente nel Campo freudiano con contributi scritti e orali in Francia e all’estero. La Doctrine inouïe pubblicato nel 1996 presso Hatier, è il suo ottavo libro. Ha diretto dal 1991 al 1997 il Théâtre de la Commune ad Aubervilliers. Questo è il suo primo volume pubblicato in Italia.

Volumi della stessa collana