Catalogo / La foresta incantata

La foresta incantata
Patologia della Germania moderna
ISBN 9788874623464
2010, pp. 240
140x215, brossura
€ 24,00
Temporaneamente non disponibile
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

La Germania, «colosso asiatico» piantato nel cuore dell’Europa,  rimane il paese-chiave del Vecchio Continente, non solo per l’estensione e la centralità geografica, ma più ancora per la sua sempre sfuggente identità: in bilico tra Oriente e Occidente, tra il richiamo delle steppe eurasiatiche e le luci della modernità atlantica e liberale. È possibile individuare alcuni fili per orientarsi nella selva tedesca?
Flavio Cuniberto risponde a questa domanda proponendo l’idea che la diversità tedesca sia riconducibile a una latente impronta sciamanica, al persistere di un mimetismo originario la cui operazione fondamentale consiste nel captare le forme esterne «per risonanza». In quel laboratorio formidabile che è il primo romanticismo la costante sciamanica si evolve in una direzione dove lo sciamano cede il posto al mago: è l’impronta faustiana del germanesimo, un culto dell’artificio assoluto in grado di surrogare o sostituire la realtà stessa. La Germania moderna è la terra più congeniale ai ritorni, al riaffiorare delle potenze arcaiche. E se il ritorno di Wotan e del suo corteggio ha effetti devastanti, la memoria tedesca si apre anche a ritorni di altro segno: è il caso della grande filosofia tedesca, nella quale un paziente lavoro di scavo può rilevare, qua e là, le tracce inconfondibili di una metafisica non solo occidentale. È qui che Kant e Heidegger ritrovano Platone, il più «orientale» di tutti i filosofi, e una figura come quella di Walter Benjamin ritrova il più «orientale» dei grandi tedeschi: Jakob Böhme, il «philosophus teutonicus» appunto.

L'autore
Flavio Cuniberto

Flavio Cuniberto (Torino, 1956), insegna Estetica all’Università di Perugia. Ha studiato a Torino, Monaco e Berlino. Dopo i lavori giovanili sul primo romanticismo tedesco si è occupato della mistica cristiana di area tedesca (Jacob Böhme, Morcelliana, Brescia 2000) e della metafisica della scrittura sottesa alle «religioni del Libro» (Il cedro e la palma, Medusa, Milano 2008). In parallelo, ha proseguito gli studi germanistici (La foresta incantata. Patologia della Germania moderna, Quodlibet, Roma-Macerata 2010), in una prospettiva filosofico-letteraria ma anche storico-politica, assumendo come baricentro il problema della modernità e della critica del moderno. Tra le sue pubblicazioni più recenti si segnalano: Il Vortice Estetico (Morlacchi, Perugia 2015), Paesaggi del Regno (Neri Pozza, Milano 2017). Presso l’editore Neri Pozza ha in preparazione un Viaggio in Italia. Cento vedute sul Bel Paese.

Flavio Cuniberto (Turin, 1956) teaches Aesthetics at the University of Perugia. He studied in Turin, Munich and Berlin. After his early works on German Romanticism, he went on to study Christian mysticism in the German area (Jacob Boehme, Brescia, Morcelliana 2000) and the Metaphysical implications of the “religions of the Book” (Il cedro e la palma, Medusa, Milano 2008). At the same time, he continued his German studies from a philosophical, literary, and political point of view (La foresta incantata. Patologia della Germania moderna, Macerata, Quodlibet 2010). As part of this research project his interest mainly focused on the origins of the modern view of the world and the critical theories on modernity. His most recent publications include: Il Vortice Estetico. Introduzione all’estetica generale (Perugia, Morlacchi 2015), Paesaggi del Regno (Milano, Neri Pozza 2017). With Neri Pozza he is preparing a Viaggio in Italia. Cento vedute sul Bel Paese (2020).

Pubblicazioni dell'autore
Flavio Cuniberto

Strategie imperiali

euro 10,20
Volumi della stessa collana