Catalogo / Seoul Steel Life

Seoul Steel Life
Case a catalogo e stanze a noleggio / Houses by the Book and Rooms by the Hour

Testi in lingua italiana e inglese
A cura di Alberto Bologna, Michele Bonino e Marco Bruno
Portfolio fotografico di Lorenzo De Simone

ISBN 9788874623693
2011, pp. 156
230x215, brossura con bandelle
€ 32,00
€ 30,40 (prezzo online -5%)
Acquista
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

Ultimamente la cultura architettonica è terrorizzata dalla fine dello spazio pubblico, giudicata imminente. Pertanto il caso studio di Seul, qui affrontato da un gruppo di ricercatori e studenti torinesi, è salutare perché indaga senza pregiudizi ideologici una metropoli che è già del tutto «indifferente alle relazioni urbane o al contesto pubblico». Le due tipologie squisitamente coreane di apart e bang, vale a dire delle case a catalogo e delle stanze a noleggio, esemplificano bene quell’atteggiamento culturale: gli apart, montati in serie in grandi strutture
modulari come garage, sembrano il coronamento del sogno modernista della «machine à habiter» – sono persino muniti di targhe; i bang invece ne rappresentano il rovescio della medaglia, perché esplicitano il carattere introverso e decontestualizzato degli interni coreani. Grazie anche ad alcune tecnologie dell’acciaio che favoriscono la produzione di strutture flessibili e replicabili, i progetti qui presentati ambiscono a creare dei prototipi maggiormente relazionati ai servizi e allo spazio pubblico.

Lately architects are terrified by the possible end of public space. That’s the reason why this study is particularly useful: because it investigates a metropolis like Seoul without ideological prejudices, that means a place where everything is «indifferent to urban relations or to the public context». Apart and bang are two specific typologies coming from South Korea: houses by the book and rooms by the hour exemplify in the right way that peculiar cultural attitude. In this book the projects presented want to create new urban prototypes that should be more related to public services and space – also thanks to some steel techniques that help in the production of more flexible and replicable structures.

Alberto Bologna (1982), architetto, è Dottorando in Storia dell'Architettura e dell’Urbanistica presso il Politecnico di Torino. / Architect, is a PhD candidate in History of Architecture and Urban Planning at Politecnico di Torino.

Michele Bonino (1974), architetto e ricercatore, insegna Progettazione Architettonica e Urbana al Politecnico di Torino. / He is an architect, a research fellow and a professor of Architectural and Urban Design at Politecnico di Torino.

Marco Bruno (1968), architetto e motociclista entusiasta, è Professore di Architettura degli Interni all'HYID, Hanyang University di Seul dopo aver insegnato per anni alla Konkuk University. / He is an architect and an enthusiastic motorcycle rider. He is currently full-time Professor of Interior Architecture at HYID, Hanyang University in Seoul after several years spent as a full-time faculty member at Konkuk University.

Lorenzo De Simone (1974), fotografo freelance, vive a Milano. Specializzato in reportage di viaggio e architettura, lavora per editori nazionali e internazionali. / He is a freelance photographer based in Milan. Specialized in travel and architectural reportage, he works for national and international editorial services.

Volumi della stessa collana