Catalogo / Interpretazioni fenomenologiche di Eraclito

Interpretazioni fenomenologiche di Eraclito
ISBN 9788874624546
2012, pp. 240
140x215, brossura
€ 24,00
€ 20,40 (prezzo online)
Acquista
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

Da Platone a Nietzsche, i filosofi non hanno smesso di confrontarsi con Eraclito, attraversando il suo pensiero alla ricerca del proprio. Nel Novecento la sua voce è tornata a risuonare con forza nella fenomenologia tedesca. Ripercorrendo le grandi interpretazioni di Eraclito offerte da Martin Heidegger, Eugen Fink e Klaus Held, questo libro ne ricompone per la prima volta il mosaico teoretico, sottolineando la prossimità tra il logos del pensiero arcaico e l’esercizio fenomenologico dell’ascolto e della visione. Richiamandosi alla purezza dello sguardo aurorale sul mondo, assimilato al bagliore di una fiamma, Heidegger non ebbe timore di affermare: «Eraclito non ha descritto i fenomeni, li ha visti, semplicemente».

Indice: Prefazione. La parola impropria. – I. Il fuoco e il logos. Heidegger, Fink e il colloquio con Eraclito. – II. Dal fuoco al logos. Fink interprete di Eraclito. – III. Dal logos al fuoco. Heidegger e l’eco di Eraclito. – IV. La visione del logos. Sull’interpretazione eraclitea di Klaus Held. – V. «Viventi la morte, morenti la vita». Eredità fenomenologiche di Eraclito.

L'autore
Adriano Ardovino

Adriano Ardovino insegna Ermeneutica filosofica nell’Università di Chieti. È autore e curatore di studi sul pensiero moderno e contemporaneo e di diverse edizioni italiane, tra cui: M. Heidegger-E. Fink, Eraclito. Seminario del semestre invernale 1966/67 (Laterza 2010). Tra i suoi lavori più recenti: Raccogliere il mondo. Per una fenomenologia della Rete (Carocci 2011).

Volumi della stessa collana