Catalogo / Karl Kraus e Shakespeare

Karl Kraus e Shakespeare
Recitare, citare, tradurre
ISBN 9788874624553
2012, pp. 288
140x215, brossura
€ 24,00
€ 20,40 (prezzo online -15%)
Acquista
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

Vienna, 24 maggio 1916. Alla vigilia del crollo dell’Impero austroungarico, nel pieno del conflitto mondiale e dunque degli Ultimi giorni dell’umanità, Karl Kraus sorprende il suo pubblico leggendo, in luogo di una nuova invettiva contro la guerra, le spensierate schermaglie della commedia shakespeariana Love’s Labour’s Lost. È il primo atto di un progetto ventennale di letture teatrali e riscritture di Shakespeare: il Theater der Dichtung (Teatro della poesia). Finora poco note alla critica e ai lettori, queste “traduzioni d’autore” hanno un’ulteriore particolarità: sono in realtà montaggi di citazioni. Kraus crea il suo Shakespeare smontando le più celebri traduzioni tedesche d’epoca romantica, per poi raffrontarle tra loro e riassemblarne i frammenti in un mosaico originale composto da materiali di seconda mano.
«A Shakespeare», scrive, «bisogna sottrarre Shakespeare». Di qui un singolare, affascinante lavoro di traduzione per via di citazioni, a partire per di più non dall’inglese ma dal tedesco, che Kraus pensa come lingua straniera. Per converso, nel “teatro della poesia” citare equivale a tradurre. Oltre ad essere strumento di satira, dunque, la citazione diventa in quegli anni un gesto per preservare il proprio patrimonio culturale dalle offese della Storia.
Il «genio mimico» di Kraus, come ebbe a definirlo Walter Benjamin, ci invita a ripensare alla citazione e alla traduzione come movimenti, come translationes – da una lingua a un’altra, da un contesto a un altro, da un tempo a un altro tempo – consentendo di far emergere la loro sottile, sorprendente affinità.

L'autore
Irene Fantappiè

Irene Fantappiè è ricercatrice presso la Humboldt Universität di Berlino, dove ha trascorso un biennio di ricerca post-dottorato con una borsa Humboldt. Dottore di ricerca in Letterature Comparate all’Università di Bologna, borsista presso la Freie Universität e University College London, si è occupata di problemi di intertestualità e teoria della traduzione nella letteratura tedesca e italiana del ’900. Ha curato una raccolta di saggi di Karl Kraus, un volume su Paul Celan (con C. Miglio) e ha tradotto prosa e poesia tedesca.

Pubblicazioni dell'autore
Anna Baldini, Daria Biagi, Stefania De Lucia, Irene Fantappiè, Michele Sisto

La letteratura tedesca in Italia

euro 18,70
Volumi della stessa collana