Catalogo / Democrate

Democrate
Dialogo sull'accordo tra la professione delle armi e la fede cristiana

Testo latino e traduzione italiana

A cura e con un saggio introduttivo di Vincenzo Lavenia

ISBN 9788874625000
2015, pp. LVIII-278
155x240, brossura
€ 26,00
€ 22,10 (prezzo online -15%)
Acquista
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

Pubblicato a Roma nel 1535, il Democrates di Sepúlveda ha ispirato la rinascita dello stoicismo moderno. Testo polemico rivolto contro Erasmo e Machiavelli, il dialogo rispose alle inquietudini del tempo trattando del problema della guerra e della sua legittimità morale per i cristiani. Si poteva esercitare serenamente il mestiere delle armi tenendo conto dei precetti del Vangelo? Si poteva accordare l’etica antica e mondana della gloria con quella della pietà? Richiamandosi a Cicerone e ad Aristotele, Sepúlveda respinse il pacifismo erasmiano, esaltò la potenza spagnola e replicò alle pagine corrosive di Machiavelli sul rapporto tra cristianesimo, decadenza politica e virtù militare. Il Democrates, inoltre, costituì il primo momento in cui Sepúlveda elaborò una dottrina della guerra umanitaria che servì come base per la legittimazione dell’imperialismo coloniale europeo.

L'autore
Juan Ginés de Sepúlveda

Juan Ginés de Sepúlveda nacque a Pozoblanco, diocesi di Córdoba, nel 1490. Formatosi a Bologna nei primi anni del Cinquecento, fu un commentatore e traduttore dei testi di Aristotele e di Cicerone. Durante il soggiorno italiano scrisse diversi dialoghi e un’opera polemica contro Erasmo; dopo il 1536 ebbe l’incarico di cronista di Carlo V e fece ritorno in Spagna. Stimato per la sua cultura classica, si alienò la simpatia di molti teologi del tempo attaccando le tesi sulla guerra di Francisco de Vitoria e Bartolomé de Las Casas. Morì nel 1573 lasciando inedite molte opere e i suoi scritti storici.

Pubblicazioni dell'autore
Juan Ginés de Sepúlveda

Democrate secondo, ovvero sulle giuste cause di guerra

euro 25,50
Volumi della stessa collana