Catalogo / La terra del morso

La terra del morso
L'Italia ctonia di Ingeborg Bachmann
ISBN 9788874625017
2013, pp. 176
140x215 mm, brossura
€ 22,00
€ 18,70 (prezzo online -15%)
Acquista
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

Ingeborg Bachmann (1926-1973) trascorse in Italia quasi la metà della sua vita (1953-1973) tra Ischia, Napoli, Roma. La sua scrittura poetica è striata dai segni di un’Italia ctonia: l’impronta (soprattutto acustica) di questo luogo sotterraneo si rivela nelle forme e nei ritmi. La sua via di “fuga verso sud” è ricerca dell’umano dopo il disastro, dopo la guerra e la devastazione, ma è di fatto una discesa agli inferi. Bachmann consegna al lettore una terra sismica, popolata di animali pericolosi e mordaci – vipere, tarantole – oppure da esseri mobili, anfibi, capaci di vivere in molti regni (uccelli, salamandre, formiche, lucertole). Una terra scossa da boati di terremoti e vulcani, e pure dal canto di creature inquietanti, fragili e oltreumane, sublimi eppure sempre esposte allo scherno altrui: come per esempio Maria Callas, Gaspara Stampa, e tutte le eroine dell’Opera. Chi s’incammina per quel meridione si espone al “morso”, allo choc che attraverso un dolore acuto inizia a un modo-altro del vedere e del sentire. In questo senso la ricerca di Bachmann – nel mettere in scena voci, danze, situazioni della ritualità meridionale, eventi popolari collettivi – si affianca agli studi antropologici di Ernesto de Martino; mentre la sua attenzione per le figure “ctonie”, emblematiche come Maria Callas, la rivela compagna di strada e precorritrice di Pier Paolo Pasolini (Callas fu una indimenticabile Medea nel suo film del 1969). Il libro è organizzato in quattro movimenti musicali. L’andamento vuole comporre voci ed elementi diversi secondo una scansione che lasci anche a chi legge spazi ritmici e pause di riflessione su una materia fluida.

Volume disponibile anche in versione elettronica. Acquista su: torrossa.it

L'autore
Camilla Miglio

Camilla Miglio insegna Letteratura tedesca e traduzione all’Università “Sapienza” di Roma. Tra le sue ricerche, studi su Herder, Novalis, Goethe, Brentano, Rilke, Benn, Bachmann, Kafka, e la cura di due volumi di Teoria e storia della traduzione (L’Orientale 2006 e 2007). Su Paul Celan ha pubblicato Celan e Valéry. Poesia, traduzione di una distanza (ESI 1997), per Quodlibet nel 2005 Vita a fronte. Saggio su Paul Celan e ha curato, con Irene Fantappiè, L’opera e la vita. Paul Celan e gli studi comparatistici (L’Orientale 2008). Ha tradotto autori tedeschi del Romanticismo e del Novecento, tra cui volumi di Brentano e dei Fratelli Grimm, Liebenskind, Kafka, Enzensberger, Waterhouse, Draesner, Grünbein, Seiler, Kermani, Stolterfoht.

Pubblicazioni dell'autore
Camilla Miglio

Vita a fronte

euro 18,70
Volumi della stessa collana