Catalogo / Per un progetto nel paesaggio

Per un progetto nel paesaggio
ISBN 9788874625086
2013, pp. 128
140x215 mm, brossura con bandelle
€ 16,00
€ 13,60 (prezzo online)
Acquista
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

La conoscenza dei luoghi, intesa come capacità di decodificarne i segni, e far sì che essi diventino materia attiva della trasformazione, presupporrebbe la comprensione della sequenza delle azioni che li hanno prodotti, risultato tanto di idee e immaginazione, quanto di realtà materiale.
Assumendo la dimensione antropogeografica del paesaggio quale termine della relazione tra azione e segno, e rivolgendo alla natura l’attenzione rispettosa dell’«altro» affinché essa continui a esistere di per sé, il libro vuole collocarsi nella relazione spazio-temporale del paesaggio, dove ogni azione si deposita in una forma, qualsiasi essa sia.
Tali considerazioni conducono a riflettere attorno al valore della misura del segno, quale unità capace di definire l’efficacia o la dimensione dell’azione rispetto al suo risultato di trasformazione dello spazio, avendo presente che non di traduzioni dirette si tratta, poiché interagisce con variabili e sistemi complessi. Entro tale contesto di riferimento, e attraverso il lavoro dell’architettura del paesaggio, vengono qui indagate le azioni progettuali nel tempo e nello spazio del paesaggio, la loro capacità di essere risorsa, le prestazioni che oggi ad esse sono richieste e a cui devono dare risposta.

Volume disponibile anche in versione elettronica. Acquista su: torrossa.it

L'autore
Laura Zampieri

Laura Zampieri (1963) è architetto e docente di Architettura del Paesaggio presso le Università IUAV di Venezia, Trento e Udine, dove svolge attività di ricerca. Insegna al Master de Arquitectura del Paisaje presso l’ETSAB a Barcellona e l’ACMA di Milano. Nel 2006 con Paolo Ceccon ha fondato czstudio associati per sviluppare progetti, realizzazioni e ricerche di architettura e di paesaggio. Attualmente si interessa di trasformazione di spazi urbani complessi, progetti e ricerche per infrastrutture e mobilità, parchi pubblici e privati, gestione delle risorse ambientali e rinnovabili. Partecipa a numerosi concorsi di architettura, ricevendo premi e riconoscimenti. Nel 2001 e 2008 è stata finalista al II e V “European Award on Landscape Rosa Barba” della Biennale del Paesaggio di Barcellona, nel 2012 al premio Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana.

Volumi della stessa collana