Catalogo / La bella Milano

La bella Milano

A cura e con un testo di Paolo Mauri

ISBN 9788874625239
2013, pp. 432
120x190 mm, brossura con bandelle
€ 16,00
€ 13,60 (prezzo online -15%)
Acquista
Preferiti
     
StoreDB
Il libro

«A Milano c’è ancora un tram che costa dieci centesimi… ma così a buon mercato che non viene mai». – D. T..

Piccoli, meravigliosi, delicati e sorridenti pezzetti sulla Milano del tempo andato! È la Milano tra le due guerre, è ancora la cittadina limitata entro le mura o poco oltre, ci sono le famiglie conosciute da sempre, i vicini, i colleghi e i personaggi di cui si racconta qualche aneddoto che ne riassume la vita; è una città stabile, e gli abitanti, le vie, i numeri civici sono in una loro eternità della mente. Sullo sfondo il fascismo, come una novità di passaggio abbastanza ignorata. È una Milano che rappresenta tutta un’Italia ottocentesca che si prolunga dentro al Novecento; con le sue stagioni, le vecchie piazze, le vie coi postriboli, i caffè provinciali, la nevicata dell’anno tale, le domeniche estive, tutti gli anni che si assomigliano, i tramvai, i notai, gli avvocati, i bottegai lì nati vissuti e defunti, i legatori di libri, le vetuste librerie, le feste comandate, i portinai che s’affacciano sulla strada, e sui tetti i merli spensierati che cantano. In mezzo a questo tempo fermo le prime intrusioni dell’epoca moderna e la diffusa malinconia di un’età che, noi sappiamo, sta per finire; lo sa anche Tessa. Sono prose scritte per vari giornali, circa tra il 1936 e il 1939, soprattutto per «Il Corriere del Ticino», con molta modestia e un grande affetto per le piccole cose quotidiane che passano.

L'autore
Delio Tessa

Il poeta Delio Tessa nasce a Milano nel 1886. Divide la sua vita appartata tra la professione di avvocato e i soggiorni sul lago di Como. Nel 1932 esce il solo libro di poesie che pubblica in vita, L'è el dì di mort, alegher!, in dialetto milanese. Tra il 1934 e il 1937 scrive critiche cinematografiche ed elzeviri per diverse riviste. «Andavo al cinema fin da ragazzo» dice. Nel 1939 muore a Milano per le complicazioni di un ascesso ai denti.

Volumi della stessa collana