Catalogo / Sacrificio e sovranità

Sacrificio e sovranità
Teologia e politica nell'Europa di Shakespeare e Bruno

Prefazione di Michele Ciliberto

ISBN 9788874625253
2016, pp. 368
160x225 mm, brossura con bandelle
€ 25,00
€ 21,25 (prezzo online)
Acquista
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

In Pene d’amor perdute di William Shakespeare c’è una scena celebre per la sua oscurità che, se messa in rapporto con quanto Giordano Bruno aveva scritto nell’Inghilterra di Elisabetta I, consente la messa a fuoco del maggiore problema politico dell’Occidente cristiano sconvolto dalle guerra di religione: la fondazione della sovranità autonoma dello Stato secolare – un problema che per tutto il secolo XVII continuerà a essere al centro del pensiero di Hobbes e Spinoza, e che comportava l’ineluttabile scontro dell’autorità secolare con quella religiosa, cattolica o riformata che fosse. Partendo dai concreti tentativi di soluzione di quel problema in Inghilterra, Francia e a Venezia, Gilberto Sacerdoti ne porta alla luce le radici intellettuali: da un lato il conflitto fra Papato e Impero, dall’altro il ruolo giocato non soltanto dall’«averroismo latino», ma anche dalle originarie fonti di quel pensiero islamico-ebraico medievale in cui la filosofia aveva per la prima volta rifiutato di essere ancella della teologia. Dietro Bruno, Bodin e Sarpi emergono poco a poco le figure di Averroè, Maimonide e Al-Farabi.

Indice
  • Prefazione
  • I. La Navarra, il Navarra e le guerre di religione
  • II. Se Parigi val bene una messa, Londra val bene un sermone
  • III. Assurdità. sileni, tesori
  • IV. Assassinio di cervi ed eresie adatte ai tempi
  • V. Macelleria e religione: Erasmo, Calvino e Bruno
  • VI. Sovranità e sacrificio
  • VII. Un deriso clero anticlericale
  • VIII. Tra le altre verità occulte e utili a sapersi, la conoscenza della Monarchia temporale è la più utile e la più riposta di tutte
  • IX. Il regno di Israele, modello del «regnum christianum»: dall’agostinismo politico alla deposizione di Dio col consenso di Dio
  • X. San Tommaso d’Aquino e il tomismo politico di san Roberto Bellarmino
  • XI. L’averroismo
  • XII. Bruno, Orione e le «cose necessarie alla republica del mondo»
  • XIII. La cacciata del cacciatore Orione
  • XIV. La caccia regia di Bruno e i riti patrii di Bodin
  • XV. «Sacrosante bagatelle»
  • XVI. Maimonide e il sacrificio mosaico come «ragion di stato»
  • XVII. Bodin, Venezia, e i «segreti nascosti delle cose sublimi»: i «talattafa» del «Rabin Moyse» e i «piaculi» di fra Paolo Sarpi
  • XVIII. Il rogo della Guida dei perplessi.
  • XIX. «Bagatelle» e «figmenta»: Pomponazzi e Averroè
  • XX. Bruno, l’Inghilterra e il libero impero della filosofia
L'autore
Gilberto Sacerdoti

Gilberto Sacerdoti insegna Letteratura inglese all’Università di Roma 3. È autore di Nuovo cielo, nuova terra. La rivelazione copernicana di «Antonio e Cleopatra» (Bologna 1999, ristampa Roma 2008); di Shakespeare ha tradotto i Poemetti (Milano 2000) e Antonio e Cleopatra (Milano 2014); ha pubblicato le raccolte poetiche Fabbrica minima e minore (Parma 1978), Il fuoco, la paglia (Milano 1988) e Vendo vento (Torino 2001). Sacrificio e sovranità è stato tradotto in turco (Kurban ve Egemenlik, Ankara 2007).

Volumi della stessa collana