Catalogo / La Bibbia ebraica

La Bibbia ebraica
Parola, testo, interpretazione

A cura di Gianfranco Bonola, Claudia Milani, Renato Bigliardi

ISBN 9788874625413
2013, pp. 256
160x225 mm, brossura con bandelle
€ 22,00
€ 18,70 (prezzo online)
Acquista
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

Franz Rosenzweig dichiarò un giorno che il mondo ebraico tedesco aveva manifestato un vero interesse per lui soltanto quando erano usciti i primi volumetti della Bibbia ebraica nella nuova traduzione che stava realizzando insieme all’amico Martin Buber. Eppure, da alcuni anni il giovane filosofo era attivo a Francoforte come direttore di un pionieristico istituto di cultura ebraica ed era noto per avere scritto nel 1921 La stella della redenzione, un’opera di grande respiro con la quale introduceva nella filosofia le categorie fondamentali della tradizione biblica (creazione, rivelazione e redenzione) e ridisegnava il travagliato rapporto tra ebraismo e cristianesimo. Gli scritti compresi nel presente volume furono elaborati per gran parte negli ultimi anni della sua breve esistenza e sono tutti connessi – benché in modi diversi – alla traduzione della Bibbia ebraica, impresa che aspirava a confrontarsi con le grandi versioni bibliche del passato, in particolare con quella di Lutero, da cui è scaturita la lingua letteraria tedesca. Ma lo scopo, non meno esplicito, della nuova traduzione era di liberare la Bibbia ebraica dall’involucro in cui l’avevano avvolta, appropriandosene, i cristiani. La cristianità infatti aveva relegato i libri sacri degli ebrei – il Pentateuco, i Profeti e gli altri Scritti – alla dimensione secondaria di un «antico testamento», di un patto con Dio che era stato superato e ricompreso nel Nuovo Testamento dei Vangeli, delle Epistole, dell’Apocalisse. Tradurre la Bibbia ebraica in quanto tale significava dunque emanciparla da questa sudditanza e svincolarla dalla prospettiva che la vedeva come semplice profezia del messia Gesù, e quindi unicamente in funzione del cristianesimo, il più fortunato dei suoi esiti nella storia.

L'autore
Franz Rosenzweig

Franz Rosenzweig (Kassel 1886 - Frankfurt a. M. 1929), pensatore fra i più originali del Novecento, dopo studi hegeliani (Hegel e lo Stato) concepì la sua opera capitale, La stella della redenzione (1921), al fronte durante il primo conflitto mondiale. Nel dopoguerra rinunciò alla carriera accademica per impegnarsi attivamente a favore dell’ebraismo. Diresse un istituto di cultura ebraica a Francoforte, scrisse saggi su temi cruciali dell’ebraismo, e infine, pur infermo, lavorò con Martin Buber a una innovativa traduzione della Bibbia, che venne interrotta dalla sua morte.

Pubblicazioni dell'autore
Volumi della stessa collana