Catalogo / Il valore delle cose

Il valore delle cose

A cura di Michele Spanò
Con un saggio di Giorgio Agamben

ISBN 9788874627097
2015, pp. 108
120x180 mm, brossura con bandelle
€ 12,00
€ 11,40 (prezzo online -5%)
Acquista
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

In questo saggio esemplare, Yan Thomas, uno dei massimi conoscitori del diritto romano, mette in questione il primato giuridico della proprietà – definita come rapporto inderogabile tra pochi uomini proprietari e una immensa distesa di cose appropriabili – e propone una nuova e sorprendente archeologia delle «cose».
Perché qualcosa come un mercato, uno spazio in cui le cose sono scambiate contro un valore commerciale, potesse costituirsi, un gesto giuridico e istituzionale originario doveva essersi già prodotto: si tratta della santuarizzazione di un certo numero di cose qualificate come indisponibili. Le cose che non appartengono ad alcuno, sottratte al gioco dello scambio, inibite a diventare merci, identificano un’area dell’indisponibilità (al commercio, alla proprietà e all’appropriazione) e sono perciò destinate all’uso comune degli uomini. Parenti non troppo lontane degli oggi dibattutissimi «beni comuni», le cose indisponibili che Yan Thomas isola, offrono una nuova genealogia della proprietà e dello scambio, fornendo una lezione magistrale sull’istituzione giuridica del valore e su tutte quelle operazioni capaci di fare – o di non fare – di una cosa una merce.

L'autore
Yan Thomas

Yan Thomas (1943-2008), storico del diritto romano, directeur d’études all’École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi, è stato tra gli intellettuali più inclassificabili della sua generazione. Presso Quodlibet sono apparsi Il valore delle cose (2015), Fictio legis (2016) e L’istituzione della natura (con Jacques Chiffoleau, 2020).

Pubblicazioni dell'autore
Yan Thomas, Jacques Chiffoleau

L’istituzione della natura

euro 14,25
Yan Thomas

Fictio legis

euro 13,30
Volumi della stessa collana