Catalogo / Il problema Croce

Il problema Croce
ISBN 9788874627691
2015, pp. 288
140x215 mm, brossura
€ 22,00
€ 18,70 (prezzo online -15%)
Acquista
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

Nei primi cinquant’anni del Novecento sembrava che Croce possedesse la chiave di tutti i problemi in ambito filosofico, storico e letterario. Ma oggi è Croce stesso a essere divenuto un problema per la cultura italiana. Non sappiamo come prenderlo, e finiamo per adottare nei suoi confronti criteri interpretativi antimetodici. Non lo valutiamo per quello che ha fatto, ma per quel che non ha fatto, e continuiamo a rimproverargli la svalutazione della scienza, il fastidio per la letteratura contemporanea, il rifiuto della sociologia. Croce è sempre meno conosciuto, anche negli ambiti in cui avrebbe ancora molto da insegnare.
Questo libro si sforza invece di valutare Croce per quel che ha fatto e per quel che ha pensato. Iniziando da quel campo di studi, l’estetica, in cui venne considerato un’autorità indiscussa per mezzo secolo, e dal quale è del tutto scomparso. Si comincia così con una introduzione alla filosofia crociana dell’arte, si riscopre l’attualità dell’accostamento operato da Croce tra estetica ed economia, ci si interroga sui rapporti di Croce con il Romanticismo. Il discorso si amplia poi al legame di Croce con alcuni grandi del passato: Goethe, Flaubert, Warburg. E si estende alla storia, prendendo in esame i rapporti tra storiografia e arte e la nozione di aneddotica. Ma c’è posto anche per altri aspetti dell’attività di Croce, come la sua contrapposizione all’istituzione universitaria e agli indirizzi culturali in essa dominanti. Con un esito sorprendente: quel che risulta più difficile da spiegare a chi ripercorra, oggi, la parabola crociana dai trionfi della prima metà del secolo alle liquidazioni degli ultimi cinquant’anni non è la più recente rimozione quanto il successo che l’Italia gli ha decretato così a lungo; tanto le caratteristiche intellettuali, ma anche, e soprattutto, le doti morali e civili di Croce ci sembrano oggi estranee al nostro Paese.

Volume disponibile anche in versione elettronica. Acquista su: torrossa.it

L'autore
Paolo D’Angelo

Paolo D’Angelo è professore ordinario di Estetica presso il Dipartimento di Filosofia, Comunicazione e Spettacolo dell’Università Roma Tre, del quale è anche direttore. Con Quodlibet ha pubblicato: Ars est celare artem. Da Aristotele a Duchamp (2005, 2014, tradotto in inglese e giapponese); Cesare Brandi. Critica d’arte e filosofia(2006); Le arti nell’estetica analitica (2008); Filosofia del paesaggio (20010, 2014); Il problema Croce (2015). Tra gli altri suoi lavori ricordiamo: Estetica (Laterza, 2011); Le nevrosi di Manzoni (il Mulino, 2013).

Pubblicazioni dell'autore
Paolo D’Angelo

Attraverso la storia dell’estetica

euro 22,10
Paolo D’Angelo

Filosofia del paesaggio

euro 12,75
Paolo D’Angelo

Ars est celare artem

euro 11,47
Paolo D’Angelo

Filosofia del paesaggio

€ 18,00
Paolo D’Angelo

Cesare Brandi

euro 13,60
Paolo D’Angelo

Ars est celare artem

€ 16,00
Volumi della stessa collana