Catalogo / L'architettura della partecipazione

L'architettura della partecipazione
A cura di Sara Marini
ISBN 9788874628018
2015, pp. 144
120x180 mm, brossura con bandelle, con illustrazioni b/n
€ 14,00
€ 11,90 (prezzo online)
Acquista
Preferiti
     
StoreDB
Il libro

Il percorso accademico e professionale di Giancarlo De Carlo congiunge in un’unica vocazione due termini etimologicamente contrapposti: architettura e anarchia, tenendosi sempre al riparo dalle allucinazioni utopistiche tipiche, ad esempio, degli anni Sessanta e Settanta, e anzi mantenendo sempre dritta la barra della «ricerca di un metodo e, soprattutto, di un rigore capaci di restituire credibilità all’approccio disciplinare (Tafuri)».

Nello scritto qui pubblicato per la prima volta in maniera autonoma egli tenta di dimostrare in forma lineare e lucida come l’idea di una architettura partecipata – «quando tutti intervengono in egual misura nella gestione del potere, oppure – forse così è più chiaro – quando non esiste più il potere perché tutti sono direttamente ed egualmente coinvolti nel processo delle decisioni» – possa costituire un’utopia realistica, cioè compiutamente realizzabile. Le distinzioni teoriche messe in campo a tale scopo: progetto vs processo, funzione vs uso, ordine vs disordine e così via, forniscono un armamentario utile ancora oggi per chi tenti di mettere in moto nuove pratiche di partecipazione non solo in campo architettonico (si pensi a ciò che avviene oggi in Italia nel terreno della politica o a idee come l’open source e wikipedia).

A chiudere il quadro due testi relativi alle due principali esperienze realizzate sul piano urbanistico (il piano di Rimini) e architettonico (il villaggio Matteotti di Terni) a dimostrazione della lunga, seppur conflittuale, fedeltà decarliana verso Le Corbusier, nonostante tutto suo modello costante perché «non si rivoluziona facendo le rivoluzioni, si rivoluziona presentando soluzioni».

L'autore
Giancarlo De Carlo

Giancarlo De Carlo (1919-2005) ha avuto un’infanzia errabonda a Genova, Livorno, Trieste, Milano  e una giovinezza passata a Tunisi, prima di iscriversi  a Ingegneria a Milano. Richiamato alle armi sul fronte greco, dopo l’8 settembre si unì alle bande partigiane a Milano insieme con Giuseppe Pagano. Dopo la guerra viene chiamato a insegnare presso lo IUAV di Venezia ed entra  a far parte del gruppo degli amici di Bocca di Magra,
la località dove alcuni fra i più importanti intellettuali italiani trascorrevano le vacanze – fra questi i suoi amici Elio Vittorini e Vittorio Sereni. Unico membro italiano del Team X, dagli anni ’60 insegna regolarmente anche negli USA.
Ha realizzato progetti in varie nazioni, ha insegnato in Italia e negli Stati Uniti e diretto una storica collana di architettura per Il Saggiatore nonché la rivista «Spazio e società». Tra le sue opere più importanti, il piano regolatore e gli alloggi studenteschi di Urbino (dove viene chiamato da Carlo Bo), l’area residenziale dell’isola di Mazzorbo (Venezia),  il quartiere popolare Matteotti a Terni, Istituti biologici a Siena, Genetica, Ingegneria e Scienze a Pavia.
Fra i suoi libri ricordiamo Questioni di architettura e urbanistica (Maggioli, Faenza 2008) e il libro di Franco Bunçuga, Conversazioni con Giancarlo De Carlo. Architettura e libertà (Elèuthera, Milano 2000).

Pubblicazioni dell'autore
Giancarlo De Carlo

Viaggi in Grecia

euro 17,00
Volumi della stessa collana