Catalogo / Saggio di Controconquista

Saggio di Controconquista
Traduzione di Elisa Casano
ISBN 9788874628599
2017, pp. 224
140x215 mm, brossura
€ 20,00
€ 17,00 (prezzo online)
Acquista
Preferiti
     
StoreDB
Il libro

A partire da una profonda conoscenza della letteratura messicana e ispanoamericana Gonzalo Celorio, uno dei più lucidi intellettuali messicani contemporanei, guida il lettore in un percorso che attraversa cinque secoli di storia e una vasta geografia letteraria. Se, infatti, il barocco europeo fu il linguaggio della controriforma, il barocco americano, prendendo le distanze dai canoni europei e caricandosi di elementi autoctoni, si trasformò nel linguaggio della controconquista. Celorio affronta poi Cuba e l’opera di autori come Alejo Carpentier o Guillermo Cabrera Infante, per presentare infine una panoramica della narrativa cubana più recente. Si sposta, in seguito, su autori fondamentali per la letteratura ispanoamericana del Novecento, da Cortázar e le sue contranovelas che rompono gli schemi conosciuti alla letteratura fantastica ispanoamericana, dal Realismo Magico di García Márquez alla presentazione della multiforme opera di Carlos Fuentes. L’ultima parte è dedicata invece ad alcuni grandi nomi della poesia messicana, come Ramón López Velarde e Xavier Villaurrutia, e alla rappresentazione letteraria di Città del Messico, in cui la megalopoli diventa luogo di creazione e di memoria condivisa.

Indice
  • Dal barocco al neobarocco
    • Il barocco del Nuovo Mondo
    • La narrativa neobarocca ispanoamericana
  • Cultura cubana
    • Alejo Carpentier
    • Guillermo Cabrera Infante. E la carne si fece verbo
    • La triplice insularità
  • Su Cortázar
    • Lo stesso disprezzo per quasi le stesse cose
    • Il cronopio ebbe la meglio sulla fama
    • Julio Cortázar, lettore
  • García Márquez e Fuentes, due protagonisti del romanzo ispanoamericano
    • Gabriel García Márquez e la narrativa del reale meraviglioso americano
    • Carlos Fuentes epigono e precursore
  • Due poeti messicani
    • Ramón López Velarde. La combustione delle ossa
    • Risonanze surrealiste nella poesia di Xavier Villaurrutia
    • Xavier Villaurrutia o l’invenzione del canone della poesia messicana
  • Città del Messico
    • Città del Messico, città di carta
    • Tempo prigioniero. La cattedrale di Città del Messico
  • Nota ai testi
L'autore
Gonzalo Celorio

Gonzalo Celorio (Città del Messico, 1948) è uno dei più importanti intellettuali messicani contemporanei. Saggista, narratore e critico letterario, insegna dal 1974 presso l’Università Nazionale Autonoma ed è stato invitato da numerosi altri Centri di Ricerca, nazionali e internazionali. È membro dell’Accademia Nazionale Messicana, e ha scritto numerosi saggi sulla storia letteraria e la cultura messicana. È anche autore di tre romanzi, di cui due tradotti in italiano: Non chiamarmi Ramón (Omicron, 1995) e Tre belle cubane (Neri Pozza, 2009). Nel 2010 ha ricevuto il Premio Nacional de Literatura per l’insieme della sua opera.

Volumi della stessa collana