Catalogo / Contributo critico allo studio delle dottrine politiche del '600 italiano

Contributo critico allo studio delle dottrine politiche del '600 italiano

A cura di Paolo Napoli

Introduzione di Giorgio Agamben

ISBN 9788886570367
1999, pp. 120
120x180 mm, brossura con bandelle
€ 11,36
€ 9,66 (prezzo online -15%)
Acquista
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

Il lavoro postumo qui pubblicato – si tratta di una tesi di laurea in scienze politiche il cui titolo recita sommessamente Contributo critico allo studio delle dottrine politiche del ’600 italiano – ci permette di formulare un’ipotesi inedita sulla genesi e i caratteri della scrittura manganelliana. Inaspettatamente, gli autori di cui si tratta non sono quelli della tradizione machiavelliana, cui si è rivolta di preferenza nel dopoguerra l’attenzione degli storici, soprattutto in Italia, ma dei teorici antimachiavellici della Ragion di Stato. Se per Machiavelli il problema era di intendere e rafforzare il potere del principe, per i teorici della Ragion di Stato, da Botero a Zuccolo, da Paruta a Settala, il problema è di consolidare e comprendere lo Stato stesso. Nelle loro opere lo Stato acquista per la prima volta un’esistenza e una razionalità autonoma, e mentre la questione della legittimità giuridica del potere sovrano passa in secondo piano, sempre più centrale si fa l’analisi delle tecnologie attraverso cui lo stato si conserva e riesce a integrare con ogni mezzo gli individui nella propria razionalità, prefigurando i grandi organismi totalizzanti di amministrazione e governo che ci sono oggi familiari. Questa autonomia e invasività della politica barocca è il filo segreto che unisce questo saggio giovanile alle opere estreme, il ventitreenne, ma non ingenuo politologo allo stravolto veggente della fine.La politica è qui per lo studente quello che la letteratura sarà per lo scrittore: una pura intensità insostanziale ma coestensiva all’universo; come la letteratura essa “non ha luogo, ma penetra ovunque, anche nella preziosa forma dell’assenza”.

L'autore
Giorgio Manganelli

Tra le opere di Giorgio Manganelli (Milano 1922-Roma 1990) ricordiamo: Hilarotragoedia (1964), Agli dei ulteriori (1972), Centuria (1979), La letteratura come menzogna (1985), Laboriose inezie (1986), La palude definitiva (1991), La notte (1996). Per Quodlibet è uscito l'Album fotografico di Giorgio Manganelli, Racconto biografico di Lietta Manganelli (2010), a cura di Ermanno Cavazzoni.

Pubblicazioni dell'autore
Giorgio Manganelli

Antologia privata

euro 14,02
Volumi della stessa collana