Catalogo / Sensibilità e linguaggio

Sensibilità e linguaggio
Un seminario su Wittgenstein
A cura di Massimo De Carolis e Arturo Martone
Prefazione di Marilena Andronico
ISBN 9788886570503
2002, pp. 184
140x215 mm, brossura
€ 16,00
€ 13,60 (prezzo online -15%)
Acquista
Preferiti
  
StoreDB
Il libro

Fino ad oggi le interpretazioni di Wittgenstein si sono modellate per lo più sulla frase del Tractatus per cui "i limiti del mio linguaggio sono i limiti del mio mondo". Si è pensato cioè che ogni accesso alla realtà dovesse cadere all'interno del linguaggio e non vi fosse spazio quindi per un problema della sensibilità in quanto tale, come forma di esperienza autonoma rispetto alla parola. Eppure, nei suoi ultimi scritti Wittgenstein tende continuamente a isolare un piano espressamente qualificato come "prelinguistico", "istintuale", "primitivo", fino a riproporsi di "considerare l'uomo come un animale, come un essere primitivo cui si fa credito bensì dell'istinto, ma non della facoltà di ragionamento". Qual è il vero rapporto tra questo piano di appartenenza primaria alla vita e l'insieme delle pratiche logico-linguistiche? È possibile che Wittgenstein avesse in mente proprio quest'intreccio tra forme di vita e giochi linguistici quando, a pochi giorni dalla morte, scriveva che "qui nel mio pensiero c'è ancora una grossa lacuna. E dubito che verrà mai riempita"?
Alcuni dei più noti ricercatori italiani hanno discusso insieme questa rete di problemi, con l'intenzione di mettere a frutto l'eredità filosofica di Wittgenstein in una direzione capace di confrontarsi con gli sviluppi più avanzati nel campo della biologia e delle neuroscienze. Il risultato è un libro che arricchisce e trasforma profondamente l'immagine, ancora incompleta, di uno dei grandi protagonisti della filosofia contemporanea.

Volume disponibile anche in versione elettronica. Acquista su: torrossa.it

Indice
  • Marilena Andronico, Wittgenstein: estetica e sensibilità
  • Felice Cimatti, Qual è il colore del sangue? Logica ed empiria nell’ultimo Wittgenstein
  • Massimo De Carolis, Filosofia come modificazione della sensibilità
  • Daniele Gambarara, Reticenza complice e silenzio ostile: Wittgenstein e la metafisica
  • Paolo Leopardi, Denotazione e uso
  • Franco Lo Piparo, I nomi, le rappresentazioni e le equazioni. Note su Wittgenstein
  • Arturo Martone, A partire da Wittgenstein: Riannotazioni su Senso e Significato
  • Marco Mazzeo e Paolo Virno, Il fisiologico come simbolo del logico. Wittgenstein fisionomo
  • Luigi Perissinotto, Wittgenstein e il primitivo in noi
Volumi della stessa collana