News / Concerti dell’orto. Serata dedicata a Stefano Scodanibbio

Rassegna Concerti dell’Orto. La prima serata è interamente dedicata alle musiche e agli scritti del compositore Stefano Scodanibbio.
Il Quartetto Prometeo esegue musiche di Scodanibbio tratte dalle raccolte di trascrizioni per quartetto d’archi dal Canzoniere Messicano, dai Quattro Pezzi Spagnoli e dall’Arte della Fuga di Johann Sebastian Bach.
Massimo Raffaeli legge brani tratti dal libro di Scodanibbio Non abbastanza per me, che raccoglie gli scritti che testimoniano la straordinaria vita del maestro maceratese.


il libro
A pochi anni dalla sua morte, il passaggio folgorante di Stefano Scodanibbio nella musica contemporanea appare sempre più, come ebbe a dire lui stesso del suo rapporto col contrabbasso, come un’avventura che nessun altro avrebbe potuto intraprendere. Di questa avventura gli scritti qui raccolti presentano una testimonianza straordinariamente viva: gli appunti di viaggio (l’India, l’amatissimo Messico, la Svezia, la Spagna, la California), gli incontri decisivi (Scelsi, Berio, Xenakis, Nono, ma anche poeti e scrittori, come Sanguineti e Agamben), le annotazioni illuminanti sulla musica si compongono in una sequenza vertiginosa, che ricorda la velocità e l’esattezza con cui egli riusciva a trarre dal contrabbasso sonorità prima di lui insospettate. E man mano che la lettura procede, gli sguardi, i gesti, le sensazioni febbrili e quasi incomunicabili lasciano trasparire in filigrana qualcos’altro: il legarsi sempre più intimo e stretto di una vita e di un’opera, di un’avventura biografica perennemente insoddisfatta e di una maestria creatrice ogni volta esemplare.