Omaggio ad Amedeo Giacomini (1939-2006)

Omaggio a Amedeo Giacomini (1939-2006)

Al va ae sô fin il secul boe,
in balfuèriis di bàlis, tanche un nemâl
menât di grìviis mans al massèl,
di becjârs che le bielisie dal jessi
a’ no san, ni il siò mâr…
Al va marumât e nô ‘i stin culì,
malâts di muart a cjalâlu murî-
Mandi, tiare d’amôr, fate pustote
di savalons sot un sil smâvit d’unviâr,
grîs e sense un svuâl!...

Volge alla fine il secolo malvagio,
in risse di menzogna, come una bestia
portata da grevi mani al macello,
da beccai che la bellezza dell’essere
non sanno, né il suo amaro…
Se ne va intristito e noi stiamo qui,
malati di morte a guardarlo morire-
Salve, terra d’amore, fatta gleba
di sabbie sotto un cielo smarrito d’inverno,
grigio e senza un volo!...