Recensioni / Le nuove ipotesi su Gesù

Se più persone parlano di Gesù, ne risulta non un ritratto ma una serie di interpretazioni della figura. Per questo e altri motivi merita un plauso il libro a cura di Isabella Adinolfi e Giuseppe Goisis I volti moderni di Gesù. Arte filosofia storia (Quodlibet Studio, pp. 528, 28) nel quale un gruppo di studiosi cerca di rispondere alla domanda: come la modernità si è misurata con la figura di Gesù? Le risposte sono sorprendenti anche perché il Cristo dell'Ultima Cena di Leonardo (di Giancarlo Gaeta) è ben diverso da quello che si coglie nel cinema di Andrej Tarkovskij (di Fabrizio Borin); né si deve dimenticare che Gesù per Piero Martinetti (di Giovanni Filoramo) è altra cosa da quello di Nietzsche (di Marco Fortunato). Ma ce n'è uno anti idolatrico di Kant (di Gian Luigi Paltrinieri) che ha fisionomia diversa da quello immaginata da Giacomo Leopardi (di Rolando Damiani). Non sono che cenni. Ci sono anche, tra le altre, le voci di Hegel, Kierkegaard, Bergson, Dostoevskij, Tolstoj. Un libro utile anche se non può essere esaustivo.