Recensioni / Cosa possiamo fare con il fuoco?

Ache cosa serve la letteratura? Perché dedichiamo tempo ed energie a raccontare (o ascoltare) racconti, a inventare e ripetere poesie?
Mario Barenghi affronta questo argomento secondo due prospettive complementari: da un lato ragionando su alcuni aspetti della viva esperienza letteraria (la lettura, i modi della comunicazione, i rapporti con gli usi linguistici, l’attività dell’insegnamento), dall’altro interrogandosi sui fondamenti antropologici della letteratura, in dialogo con i recenti sviluppi degli studi sull’origine della nostra specie.
In questa luce acquista credito l’ipotesi che in fondo, lungo l’affascinante ed enigmatica vicenda dell’evoluzione umana, un qualche Prometeo sia esistito davvero: perché la letteratura, come il fuoco, è uno strumento con il quale, nella battaglia per l’adattamento e la sopravvivenza, si possono fare tante cose diverse.