Recensioni / I libri del mese, dal romanzo all’antologia

Gian Piero Frassinelli, artista e architetto che ha fatto parte di Superstudio, ha il merito di aver introdotto l’antropologia nell’architettura e nel design radicale, in contrapposizione a quanto sostenuto dal movimento funzionalista. La progettazione per Frassinelli non può prescindere dall’analisi dei problemi etici sollevati dal design, che si tratti di una tavoletta di cioccolata o di una bomba a mano, degli utensili degli aborigeni o dei modelli matematici ed economici. Il libro si chiude con la rivalutazione di un designer oggi dimenticato, ma attualissimo, Victor Papanek, designer ed educatore austriaco pioniere del design sociale e sostenibile, basato su una presa di coscienza politica. Come scrive Gianfranco Bombaci, curatore del volume, questo libro è «un viaggio alla scoperta di una via alternativa alla progettazione, troppo spesso negata se non addirittura subita, per trovare una nuova e sorprendente strada verso la realizzazione degli oggetti e degli spazi».