Recensioni / La difficile arte della traduzione

URBINO ‑ Quasi la metà dei libri stampati in Italia sono traduzioni, una percentuale che sale addirittura al settanta per cento se ci riferiamo alla sola narrativa.
Se ne parla nelle "Giornate della traduzione letteraria" organizzate dall'università di Urbino (da ieri fino a domani, presso la sede di Nuovo Magistero, a cura di Stefano Arduini e Ilide Carmi­gnani). L'inaugurazione è stata  affidata a  Eugene Nida, considerato il padre della moderna traduzione.In programma vari dibattiti fra traduttori professionisti, redattori di casa editrice e scrittori: tra loro Renata Colorni, Riccardo Duranti,Ernesto Ferrero e Magda
Olivetti. I lavori sono stati preceduti dalla presentazione del volume di Antoine Berman La traduzione e la lettera (Quodlibet), mentre oggi pomeriggio (ore 18) si svolge una tavola rotonda sul saggio di Umberto Eco Dire quasi la stessa cosa (Bompiani).