Recensioni / MC A – Mario Cucinella Architects: Il futuro è un viaggio nel passato.

«Con i nuovi uffici abbiamo creato un luogo in grado di rappresentare la multiplicità di MC A, inaugurando uno spazio che vuole essere il cuore di un ecosistema composto da colleghi, partner, clienti, fornitori e amici. È un luogo che parla di condivisione, ricerca, cura dell’ambiente e creatività» Mario Cucinella, fondatore di Mario Cucinella Architects con queste parole inaugura a Milano, il 22 settembre 2021 alla presenza del Sindaco di Milano Giuseppe Sala, la nuova sede milanese di via Poma 52.

800 mq distribuiti su 3 livelli, all’interno di un ex opificio degli anni 30 di cui è stata mantenuta la facciata esterna e riqualificati tutti gli spazi interni.

MC A – Mario Cucinella Architects è uno studio di oltre 100 professionisti, fondato dallo stesso Cucinella nel 1992 a Parigi e successivamente a Bologna dal 1999, fino ad arrivare nel 2019 anche a Milano.

La passione per il suo lavoro lo porterà a specializzarsi nella progettazione architettonica che integra strategie ambientali ed energetiche, avvalendosi di un dipartimento di Ricerca e Sviluppo interno, che porta avanti le ricerche sui temi della sostenibilità secondo un approccio olistico.

Lo studio ha progetti in Europa, Cina, Africa del Nord e Centrale, Medio Oriente e Sud America. Fra i progetti simbolo di MC A, Il Nido d’infanzia “La Balena” a Guastalla, Reggio Emilia; la sede “ARPAE” per l’agenzia regionale per la prevenzione, l’ambiente e l l’energia, a Ferrara; Il “Sino-Italian Ecological and Energy Efficient Building”, a Beijing. Tra gli ultimi progetti inaugurati la Chiesa di Santa Maria Goretti a Mormanno e il Palazzo Senza Tempo a Peccioli.

MC A ha in corso di costruzione Torre Unipol, il Museo Etrusco Fondazione Rovati, il nuovo Polo chirurgico e delle urgenze dell’Ospedale San Raffaele e SeiMilano, tutti a Milano e zone limitrofe. Inoltre, il progetto del Polo Universitario della Valle D’Aosta ad Aosta e due torri ad uso residenziale e uffici “Viertel Zwei” a Vienna, due progetti residenziali a Tirana e vari progetti privati nel Middle-east.

Con l’apertura dei nuovi uffici si conferma l’importanza che la Città ha da sempre per lo Studio che è oggi protagonista, fra progetti nazionali e internazionali, di sei progetti in via di sviluppo nella Città Metropolitana: il Nuovo Polo Chirurgico e delle Urgenze per l’Ospedale San Raffaele; Il Museo Etrusco Fondazione Luigi Rovati di Corso Venezia; Torre Unipol in costruzione nell’area di Porta Nuova; SeiMilano, un progetto di rigenerazione urbana a Bisceglie; Città della Salute e della Ricerca a Sesto San Giovanni, vincitore della gara di project finance; il progetto residenziale Garofalo Paisiello. Altri progetti realizzati dallo studio e inaugurati quest’anno sono stati: TECLA – Technology and Clay, primo modello di abitazione ecosostenibile stampato in 3D in terra cruda, progetto di MC A – Mario Cucinella Architects – e WASP – World’s Advanced Saving Project in collaborazione con SOS – School of Sustainability, selezionato per essere esposto al COP26 di Glasgow; il Palazzo Senza Tempo di Peccioli (PI), un progetto di valorizzazione del patrimonio storico della città; La Chiesa di Santa Maria Goretti, Mormanno (CS), un luogo in cui architettura e arte contemporanea dialogano con il sacro.

In quella occasione Mario Cucinella presenta, altresì, la sede meneghina di SOS – School of Sustainability. Si tratta di un corso di formazione post-Laurea, aperto a giovani creativi e ricercatori, imprese e professionisti del settore per sviluppare progetti innovativi con un impatto positivo sulla società, l’economia e l’ambiente, attraverso la ricerca e la sperimentazione. «L’ecosistema milanese e lombardo, con le sue aziende e le sue università, già nostre partner in importanti progetti, costituisce il motore dell’innovazione e dello sviluppo del Paese. Siamo e saremo impegnati nei prossimi anni in molti interventi che ci fanno vivere Milano un po’ come una seconda casa» così si pronuncia Enrico Iascone, Amministratore Unico di Mario Cucinella Architects.

Sempre attento sul tema del riciclo e dell’economia circolare, Mario Cucinella Architects ha un dipartimento di product design, con all’attivo numerose collaborazioni con le più note aziende del panorama del design italiano.

A tal proposito tutti i progetti rappresentano una sintesi dell’attenzione all’integrazione fra tecnologia e strategie ambientali. L’obiettivo è ridurre il proprio impatto ambientale in vista degli obiettivi Europei 2030-2050, contribuendo alle azioni di mitigazione e adattamento agli effetti del cambiamento climatico.

Si tratta di uno studio composto da una comunità di più di 100 professionisti nel campo della sostenibilità che opera in campi quali la progettazione architettonica integrata al design industriale, produzione culturale ed espositiva, progettazione editoriale, e ancora la ricerca scientifica attraverso una Unit R&D, fino a toccare lo sviluppo di percorsi educativi e di progettazione partecipata con le comunità locali.

Gli interni degli uffici presentano: ballatoi che si affacciano su un vuoto centrale cielo-terra che dal livello -1 arriva, grazie al grande lucernario, sulla terrazza giardino. Al livello -1, visibile da ogni piano, una pedana verde con piante e sedute sarà la platea per appuntamenti ed eventi. Al piano terra un lungo tavolo di circa 20 metri dalle forme sinuose, disegnato da Mario Cucinella e realizzato da Officine Tamborrino, ospiterà mostre temporanee e modelli di studio. Le luci sono firmate Artemide, storica azienda milanese leader nel settore dell’illuminazione mentre il progetto di allestimento del verde è stato curato da Marilena Baggio, architetto e paesaggista titolare di Greencure. Non a caso in occasione dell’inaugurazione, e fino al 1° ottobre, è stata altresì ospitata una mostra fotografica che racconta i progetti di MC A attraverso l’obiettivo di Duccio Malagamba, uno dei nomi più conosciuti nel panorama internazionale della fotografia di architettura.

Durante l’evento sono stati presentati anche gli ultimi progetti editoriali dello Studio “Il futuro è un viaggio nel passato. Dieci storie di architettura” di Mario Cucinella edito da Quodlibet ed “Architettura dell’Educazione” di Mario Cucinella Architects a cura di Elena Dorato edito Maggioli Editore.

I nuovi uffici saranno anche un luogo dedicato alla formazione di giovani talenti e professionisti del settore. Inoltre, anche grazie alla collaborazione con il Professor Mario Abis, all’interno della nuova sede dello Studio, avrà sede la Fondazione SOS – School of Sustainability, creata dalla collaborazione dei tre soci fondatori, Mario Cucinella Architects, Fondazione Iris Ceramica Group e SAIB Spa, sulla base di valori condivisi e con l’obiettivo di formare le prossime generazioni di professionisti del design sostenibile.

SOS prosegue la sua attività nella nuova sede di Milano. La sua missione sarà quella di promuovere l’integrazione tra cultura locale e avanzamento tecnologico, in un contesto interdisciplinare, grazie alla collaborazione tra industria, istituzioni e l’intera comunità. SOS è una scuola aperta a giovani creativi e ricercatori, professionisti e imprese del settore per sviluppare progetti innovativi con un impatto positivo sulla società, l’ambiente e l’economia, attraverso la ricerca e la sperimentazione.

Tramite un percorso Master Full Time, SOS attiva un laboratorio creativo a stretto contatto con lo studio MC A e i partner industriali.

Questa fusione garantisce la possibilità di condividere degli strumenti di lavoro, del laboratorio, delle risorse umane proprio grazie all’interazione quotidiana per offrire un’esperienza educativa unica e fortemente orientata al mondo del lavoro.

Il futuro è un viaggio nel passato. Questo è lo spirito che stimola Mario Cucinella a sensibilizzare la propria disciplina verso i temi del rispetto della natura, raccogliendo per la prima volta le memorie dei suoi dieci viaggi nelle città e nei luoghi che gli hanno offerto spunti di riflessione pragmaticamente ambientali, inducendolo cioè a ragionare sullo sfruttamento razionale delle energie disponibili – prassi comune nelle tradizioni vernacolari di ogni cultura, dall’Iran alla Cina, dal Maghreb all’Irlanda.