Recensioni / I 10 libri di musica da regalare a Natale

Un libro, si sa, è un regalo perfetto, soprattutto se manca una settimana a Natale e abbiamo ancora qualche dono da impacchettare. Come ogni anno ecco quindi i nostri consigli sui libri di musica da regalare ad amici e parenti, siano essi appassionati di classica, jazz, pop, e così via.

[...]

Sesto titolo della meritoria collana dedicata alla saggistica sulla musica jazz “Chorus”, ideata e curata da Fabio Ferretti e pubblicata dalla casa editrice Quodlibet, questo preziosa autobiografia offre, per la prima volta in edizione italiana, il profilo di uno dei protagonisti della prima era della musica di matrice afroamericana. Nato il 14 maggio 1897 a New Orleans e morto il 14 maggio 1959 a Parigi, Sidney Bechet rappresenta infatti – al pari di personaggi quali Jelly Roll Morton, Louis Armstrong o Duke Ellington – una figura fondamentale per lo sviluppo e la diffusione del jazz. Maestro e precursore del sassofono soprano, vero e proprio punto di riferimento della musica improvvisata per le generazioni successive, Bechet coltivò un rapporto speciale con l’Europa e con la Francia in particolare, paese dove si traferì stabilmente dal 1950 fino alla morte, sopravvenuta nove anni più tardi subito dopo aver ultimato questa sua autobiografia, pubblicata postuma nel 1960 con il titolo Treat It Gentle. Un testo fondamentale, proposto nell’accurata traduzione di Giuseppe Lucchesini e arricchito dalla prefazione di Claudio Sessa e dall’introduzione di Marcello Lorrai, ai quali si aggiungono agli interventi di Roberto Ottaviano e di Stefano Zenni, quest’ultimo curatore dell’utile nota discografica.