Recensioni / Pervertimento del cristianesimo

Le analisi di Illich accreditano la tesi che il cristianesimo costituisca un fenomeno dirompente nella storia delle religioni. Infatti i misteri dell’incarnazione, della risurrezione e dell’ascensione permettono di accostarsi a Dio nella carne, in particolare nel corpo di Cristo, ossia la Chiesa. Nel cuore del Nuovo Testamento pulsa la compassione del Samaritano (v. la celebre parabola in Luca 10, 25-37), attraverso la quale si accede alla possibilità di oltrepassare le convenzioni morali e legali del proprio popolo. Grazie ad essa la fiducia in ciò che il prossimo rivela di sé, sopravanza la virtù che poggia sull’autosufficiente comprensione dell’altro. Si tratta della risposta ad una persona, non dell’obbedienza ad un precetto; il cui rinnegamento consiste nel tradimento di un rapporto singolare, non nell’infrazione di una norma generale. Pertanto il fine ultimo della nostra esistenza si manifesta nella misericordia reciproca.

http://www.cssr-pas.org/portal/2009/09/novita-libri-ivan-illich-pervertimento-del-cristianesimo/