L’articolo, strutturato in tre parti, si propone dapprima, nella prima (“Fortini teorico della traduzione: alcuni concetti-chiave”) di tratteggiare le linee teoriche del pensiero traduttivo di Franco Fortini, per poi studiare, nella seconda parte (“Fortini traduce Baudelaire”), le sue traduzioni di poesie di Baudelaire e, nella terza (“Fortini traduce Rimbaud”), sue traduzioni di poesie di Rimbaud. Ne emerge lo stretto rapporto fra teoria e pratica che informa il suo operato di traduttore, mai disgiunto da un’affinità con il suo dettato di poeta in proprio. Le traduzioni fortiniane dell’opera di questi due classici francesi rivelano quindi il suo pensiero critico sulla loro opera rispettiva formulato dal poeta e critico italiano attraverso la traduzione.

The article, in his three parts (respectively “Fortini theoric of translation: some key-concepts”, “Fortini translates Baudelaire”, “Fortini translates Rimbaud”) focuses Fortini’s theory and practice of translation, in order to show the relationship between his translation and his personal poetics. So, translation is a way to see how is work on these two great poets of XIXth century’s French Literature permit to reflect about his idea of poetry which inform his translation’s style.